08:42 16 Dicembre 2019

USA si rifiutano di sostenere operazione militare turca in Siria

© AFP 2019 / Bulent Kilic
Mondo
URL abbreviato
L'operazione turca "Fonte di Pace" in Siria (93)
566
Seguici su

Il Pentagono non parteciperà all'operazione militare che Ankara intende condurre nel nord della Siria, lo afferma un rapporto della Casa Bianca pubblicato dopo una conversazione telefonica tra Donald Trump e Recep Tayyip Erdogan.

Washington ha confermato che l'operazione militare della Turchia in Siria inizierà "presto". "Le forze statunitensi che hanno sconfitto il califfato dello Stato Islamico locale non saranno più nelle immediate vicinanze", afferma la dichiarazione.

Allo stesso tempo, la Casa Bianca ha sottolineato che la Turchia sarà ora responsabile di tutti i militanti Daesh catturati negli ultimi due anni dopo la sconfitta del gruppo terroristico.

L'amministrazione Trump ha anche ricordato che in precedenza aveva richiesto che Francia, Germania e altri paesi europei si prendessero la responsabilità dei prigionieri di guerra catturati che provenivano da questi paesi.

"Gli Stati Uniti non li manterranno per molti anni e ad un prezzo enorme per i contribuenti americani", ha detto la Casa Bianca.

L’operazione militare turca

In precedenza Erdogan ha affermato che nei prossimi giorni potrebbe essere presa una decisione sull'operazione turca nella Siria settentrionale a est dell'Eufrate. Ha aggiunto che lo scopo dell'operazione sarà quello di liberare il confine siriano con la Turchia dalle forze di autodifesa dei curdi siriani (YPF), creare una zona di sicurezza e accogliere i rifugiati siriani in Turchia.

Sono ormai decine e decine i convogli militari di Ankara che si stanno ammassando al confine turco con la Siria per un'imminente operazione militare che si terrà nella zona ad Est del fiume Eufrate.

​Sul posto sono stati inviati veicoli corazzati, carri armati e un gran numero di elicotteri, che stanno già sorvolando la zona per garantire la necessaria copertura aerea.

L’opposizione dei curdi

Il rappresentante della formazione arabo-curda sostenuta dagli Stati Uniti, forze democratiche siriane (SDF) Mustafa Bali, ha minacciato la Turchia con una "guerra totale".

Ieri si sono tenute grandi manifestazioni della popolazione curda nella regione di Ras al-Ain (Sari Kani), nel nord-est della Siria al confine con la Turchia. I partecipanti si oppongono ai piani della Turchia d'inviare truppe nel nord della Siria per condurre un'operazione militare.

Secondo vari media, le milizie curde hanno iniziato a costruire fossati anticarro e fortificazioni difensive nell'area di Ras al-Ain.

Tema:
L'operazione turca "Fonte di Pace" in Siria (93)

Correlati:

Esercito turco ammassa truppe e veicoli corazzati al confine siriano per offensiva - Video, foto
In Siria sono oltre 11mila i terroristi detenuti nelle carceri delle Forze Democratiche
Turchia nelle prossime ore darà il via a operazione militare aerea e terrestre in Siria - Erdogan
Siria, migliaia di curdi manifestano contro l'ingresso delle truppe turche
Tags:
Siria, Turchia, FOrze democratiche siriane
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik