Widgets Magazine
03:59 12 Novembre 2019
S-400 Triumf

India risponde a pressioni USA contro acquisto S-400: “Nessuno può venirci a dire...”

© Sputnik . Sergey Pivovarov
Mondo
URL abbreviato
3321
Seguici su

Il Ministro degli Esteri indiano ha risposto oggi alle pressioni di Washington sull’affare degli S-400 russi affermando in modo molto esplicito che la selezione dei fornitori di equipaggiamenti militari è un diritto degli Stati assolutamente sovrano.

Il Ministro degli Esteri indiano Subramaniyam Jaishankar ha affermato durante un incontro con la stampa nel contesto della sua visita a Washington e incontro con il Segretario di Stato Mike Pompeo, che gli Stati Uniti non dovrebbero indicare a Nuova Delhi da chi acquistare o non acquistare attrezzature militari, compresa la questione dell'acquisizione dei sistemi missilistici di difesa aerea S-400 di fabbricazione russa.

"Abbiamo sempre sostenuto che i nostri approvvigionamenti e la selezione dei fornitori di equipaggiamento militare debbano essere un diritto assolutamente sovrano", ha detto il Ministro Jaishankar ai giornalisti durante la visita.

Le sue parole sono state pubblicate sul canale NDTV - New Delhi Television Limited, società televisiva indiana:

"Non vorremmo che uno Stato ci venisse a dire cosa comprare o non comprare dalla Russia; sarebbe come e se un qualsiasi altro Stato ci dicesse se comprare o non comprare dall'America. Questa è la nostra libertà di scelta e riteniamo che sia nell'interesse di tutti riconoscerlo", ha affermato il Ministro indiano.

Allo stesso tempo, Jaishankar ha ammesso che l'India sta discutendo con gli Stati Uniti delle "paure di Washington" sull'acquisizione dei sistemi di difesa aerea S-400 da Mosca.

​L’India era alleata dell’Unione Sovietica dai tempi della Guerra Fredda ed è sempre rimasta in ottimi rapporti con Mosca tanto che oggi fa parte a pieno titolo dei Paesi BRICS. New Delhi aveva annunciato l'intenzione di acquisire i sistemi S-400 già nel 2015. Il contratto definitivo per la fornitura di cinque sistemi di difesa missilistica Triumph S-400 del valore di 5,43 miliardi di dollari era stato firmato durante la visita del Presidente russo Vladimir Putin in India l'anno scorso. Questo aveva causato grave insoddisfazione da parte di Washington, che era arrivata a minacciare di imporre sanzioni a tutti gli Stati che avessero acquistato armi e attrezzature militari simili dalla Russia.

Una legge del 2017 formalizza la prerogativa degli Stati Uniti di poter imporre sanzioni contro qualsiasi Paese per ‘importanti’ acquisti di armi dalla Russia motivando queste con il coinvolgimento militare di Mosca in Ucraina e Siria e presunte intromissioni nelle elezioni statunitensi.

Nel corso della visita Jaishankar ha valutato cordiali le relazioni con gli Stati Uniti ma ha anche sottolineato le importanti differenze di veduta con la posizione dell’amministrazione Trump sopratutto sulla questione Iran.

“Per l'India l’Iran è un fornitore di energia affidabile e che garantisce prezzi accessibili, questo per noi non cambierà”, ha detto  Jaishankar , rifiutando di commentare ulteriormente qualsiasi altra questione sull’Iran proposta dai giornalisti presenti alla conferenza stampa.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik