11:57 15 Novembre 2019
Missili Dongfeng-41 alla parata militare del 70.mo anniversario RPC

La Cina mostra i muscoli e presenta Dongfeng-41, nuovo missile balistico intercontinentale

© Foto: Screenshot da canale YouTube New China TV
Mondo
URL abbreviato
1252
Seguici su

In occasione del 70 ° anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese, Pechino non perde l’occasione di mostrare i muscoli durante l’imponente parata militare, momento topico della celebrazione. Star della parata è il nuovo missile balistico intercontinentale Dongfeng 41. Un’arma dall’indiscutibile valore di deterrenza.

La Repubblica Popolare Cinese selebra oggi la più grande parata nella sua Storia, in occasione del settantesimo anniversario della fondazione della nazione, nata appunto il 1° ottobre del 1949 con la proclamazione di Mao Zedong.

Alla parata partecipano quasi 15 mila truppe dell'Esercito popolare di liberazione della Cina, 580 mezzi, 160 aerei ed elicotteri. Presenzia la sfilata il presidente Xi Jinping.

Protagonista di primo priamo dell’evento è il nuovo Dongfeng 41, abbreviato DF-41, chiamato anche East Wind (Vento dell’Est). Si tratta di un missile balistico intercontinentale che avrebbero voluto mostrare al grande pubblico già in occasione della parata del 2009 ma qualcosa forse non era ancora del tutto a punto per cui le autorità hanno preferito posticipare. ll combustibile solido a tre stadi del DF-41 era già stato sviluppato in Cina dagli anni '80, ma la tecnologia necessaria alla realizzazione effettiva del progetto ha impiegato ancora molti anni per essere perfezionata ed i test sul funzionamento effettivo sono iniziati solo nel 2012. Oggi il Dongfeng è una realtà ed ha un potere di deterrenza molto significativo.

Basti pensare che, secondo varie fonti, il DF-41 avrebbe un raggio di volo tra i 12 mila e i 14 mila chilometri, sufficiente per intenderci, a raggiungere tranquillamente Europa e America del Nord (coste occidentali e zona centrale, non costa atlantica). Può inoltre trasportare dalle 6 alle 10 testate separate manovrabili, il che le renderebbe piuttosto difficili da intercettare. La lunghezza del razzo raggiunge i 21 metri, il diametro 2,2 - 2,5 metri. Il lancio del missile può essere effettuato da piattaforme mobile terrestre, come quelle della parata, oppure da convoglio ferroviario o silos statico. La precisione, a seconda delle fonti, varierebbe dai 100 ai 500 metri.

Secondo l'Associated Press questo nuovo missile balistico sarebbe addirittura in grado di rompere tutti gli scudi antimissile esistenti schierati dagli Stati Uniti e dai suoi alleati. Per la verità quest’arma è ritenuta talmente pericolosa che persino la stampa russa aveva espresso opinioni controverse in merito dopo che nel 2017 si era saputo che alcuni di questi mezzi erano stati posizionati nella provincia nord-orientale dello Heilongjiang, al confine con la Federazione russa.

Esperti militari avevano poi spiegato che il dispiegamento dei missili cinesi vicino al confine russo non era affatto una minaccia, al contrario dimostrano l’elevato livello di fiducia tra le due nazioni. Il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov, commentando le notizie dei media, aveva affermato che Mosca non percepisce lo sviluppo delle forze armate cinesi come una minaccia. Per altro va precisato che qualsiasi missile intercontinentale mostra la sua massima vulternabilità proprio nella fase iniziale del lancio, quindi più si trova vicino, più è facile da intercettare o distruggerne la postazione di lancio. Piuttosto, molto più probabile è pensare che la pubblicazione della sede dei DF-41 sia stato un avvertimento più per gli USA, dal momento che l’estremo nord-est della Cina è il punto geografico più vicino proprio agli Stati Uniti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik