Widgets Magazine
13:56 13 Novembre 2019
UK Chief of General Staff Gen. Nick Carter (File)

Capo Difesa Regno Unito: siamo "in guerra su base giornaliera" contro attacchi informatici russi

CC0
Mondo
URL abbreviato
2121
Seguici su

La Russia ha ripetutamente respinto le accuse di coinvolgimento in attacchi informatici globali, con il portavoce presidenziale Dmitry Peskov che ha denunciato accuse come "assolutamente infondate" e "assurde".

Il capo dello staff della difesa britannico Nick Carter ha affermato che la Gran Bretagna è in guerra ogni giorno a causa di costanti attacchi informatici da parte della Russia e di altri paesi.

Nel discorso di domenica al Festival letterario di Cliveden, a cui hanno partecipato anche l'ex direttore generale della CIA e David Petraeus, il generale Carter ha anche sostenuto che "il carattere mutevole della guerra ha messo in luce le distinzioni che non esistono più tra pace e guerra. ”

"Sento di essere in guerra adesso, ma non è una guerra come l'avremmo definita in passato. E questo perché la grande competizione di potere e la battaglia d'idee con attori di carattere non statale ci minaccia ogni giorno ", ha detto.

Carter si riferisce alla presunta "interpretazione" che Russia e Cina avrebbero delle regole internazionali, che sostiene ponga una minaccia "alla base etica e legale su cui applichiamo le regole dei conflitti armati".

Ha descritto la Russia come "molto più una minaccia oggi rispetto a cinque anni fa".

"Il carattere della guerra si sta evolvendo [...] c'è un dibattito che in corso su come sarà il futuro della guerra", ha affermato Carter, insistendo sul fatto che il tradizionale concetto di guerra condotta sulla terra, in mare e nell'aria è già obsoleto.

"Il bit chiave che ti dà il vantaggio di cui hai bisogno è il modo in cui le informazioni connettono (tutto) insieme in modo da essere adeguatamente integrate a tutti i livelli", ha affermato.

Carter ha anche affermato che "la guerra futura sarà molto incentrata sull'informazione" e che i militari del Regno Unito dovrebbero raggiungere un equilibrio tra l'addestramento delle forze armate per le nuove forme di guerra e il mantenimento di un potente deterrente militare tradizionale, qualcosa che è ancora in atto negli stati baltici.

Inoltre, Carter ha chiarito di condividere l'opinione dell’ex direttore della Cia David Petraeus sul fatto che il presidente russo Vladimir Putin sia "il più grande dono alla NATO dalla fine della guerra fredda".

"Al momento la NATO sta affrontando alcune serie sfide politiche. "Putin è stato di grande aiuto nel farci capire la necessità di modernizzarci", ha affermato Carter.

Mosca respinge le accuse di coinvolgimento di attacchi informatici

La Russia ha ripetutamente negato il suo coinvolgimento in attacchi informatici all'estero, con il portavoce presidenziale Dmitry Peskov che ha sottolineato che "si tratta di accuse assolutamente infondate, che sono spesso abbastanza assurde e non supportate da fatti concreti".

Gli ha fatto eco la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, che lo scorso anno ha affermato che per quanto riguarda i crimini informatici, "nei paesi occidentali, è diventato abitudine comune accusare sistematicamente la Russia" di tali crimini.

"Parlando della realtà, tutto ciò differisce ampiamente dall'immaginazione dei consulenti politici occidentali perché il nostro paese è uno dei partecipanti più attivi alle relazioni internazionali, in particolare nella tecnologia dell'informazione e della comunicazione", ha sottolineato Zakharova.

Correlati:

Regno Unito: opposizione discute possibilità di impeachment per Boris Johnson - media
USA vogliono trascinare Regno Unito nei contrasti con Teheran?
Panico in Regno Unito a causa di sottomarini “super silenziosi” della Russia
Tags:
Regno Unito, Russia, Attacchi hacker
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik