Widgets Magazine
08:09 13 Novembre 2019
Stena Impero, a British-flagged vessel owned by Stena Bulk, is seen at undisclosed place off the coast of Bandar Abbas, Iran August 22, 2019

La petroliera del Regno Unito Stena Impero lascia l'Iran

© REUTERS / Nazanin Tabatabaee/WANA (West Asia News Agency)
Mondo
URL abbreviato
0 72
Seguici su

Il caso della Stena Impero, petroliera del Regno Unito, sequestrata dalle autorità iraniane il 19 luglio per la sua presunta violazione delle norme marittime lascia oggi il porto iraniano di Bandar Abbas.

La petroliera Stena Impero lascia oggi il porto iraniano di Bandar Abbas, dove è stata ferma per oltre due mesi tra lo scontro diplomatico tra Iran e Regno Unito.

Secondo il servizio di localizzazione delle petroliere TankerTrackers, le immagini satellitari sembravano dimostrare che la Stena Impero non è più ancorata al porto.

Le autorità iraniane devono ancora confermare l'autenticità dei rapporti.

Sette dei 23 membri dell'equipaggio della Stena Impero sono stati rilasciati all'inizio di questo mese e hanno lasciato l'Iran. Al resto dell'equipaggio è stato detto di rimanere a bordo in modo che la nave potesse lasciare il porto dopo essere stata liberata.

Il sequestro della Stena Impero ha portato a un inasprimento delle relazioni iraniano-britanniche, con Londra che ha prima annunciato che avrebbe creato una coalizione marittima a guida europea nel Golfo per "garantire la sicurezza delle navi commerciali", e successivamente diaderire a una coalizione americana con lo stesso scopo. L'Iran ha denunciato tutte le misure adottate da poteri al di fuori della regione del Golfo Persico per introdurre navi da guerra nella regione e ha invitato i poteri regionali a unire le forze per garantire invece la sicurezza regionale.

Il sequestro della Stena Impero e della Grace 1

La Stena Impero è stata sequestrata il 19 luglio, con le guardie rivoluzionarie iraniane che l’hanno accusata di violazione di molteplici leggi marittime internazionali tra le quali speronamento di una piccola nave da pesca, ignorando gli avvertimenti delle autorità locali del traffico marittimo e disattivando il suo transponder durante il suo tentativo di attraversare lo Stretto di Hormuz. Le autorità britanniche hanno negato le affermazioni secondo cui la nave avrebbe violato qualsiasi norma e hanno accusato Teheran di "pirateria" marittima.

L'accusa di "pirateria" è seguita alle affermazioni dell'Iran secondo cui il Regno Unito ha agito in modo simile quando ha sequestrato la Grace 1 (da quando ribattezzata Adrian Darya 1), una nave cisterna carica di petrolio iraniano che è stata sequestrata dalle autorità di Gibilterra e dai Royal Marines britannici mentre navigava attraverso lo Stretto di Gibilterra il 4 luglio. Londra ha giustificato tale sequestro accusando la Grace 1 di aver tentato di portare petrolio greggio in Siria in violazione della legislazione sulle sanzioni dell'Unione europea contro il paese arabo dilaniato dalla guerra.

Correlati:

Presto la petroliera britannica Stena Impero potrà lasciare I'Iran
Petroliera iraniana Darya-1, il comandante: Usa volevano offrirmi soldi per evitare sanzioni
Petroliera iraniana giunge "a destinazione, petrolio venduto" - Iran
Tags:
Iran, Regno Unito, Sequestro
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik