11:39 10 Dicembre 2019
Papa Francesco

Papa Francesco: "Trasformate la ricchezza in relazioni umane"

© AFP 2019 / ANDREAS SOLARO
Mondo
URL abbreviato
213
Seguici su

Il Santo Padre ha esortato, attraverso la lettura di capitolo del vangelo a utilizzare la scaltrezza a fin di bene per uscire dalle situazioni difficili.

“La ricchezza può spingere a erigere muri, creare divisioni e discriminazioni. Gesù, al contrario, invita i suoi discepoli ad invertire la rotta: 'Fatevi degli amici con la ricchezza'. È un invito a saper trasformare beni e ricchezze in relazioni, perché le persone valgono più delle cose e contano più delle ricchezze possedute”: è un passaggio dell'omelia di Papa Francesco, oggi al consueto Angelus della domenica da piazza S.Pietro.

Il brano del Vangelo scelto oggi dal Santo Padre ha come protagonista un amministratore furbo e disonesto che, accusato di aver dilapidato i beni del suo padrone, sta per essere licenziato.

Ma escogita una via d'uscita per assicurarsi un futuro tranquillo. Reagisce dapprima con lucidità, riconoscendo i propri limiti: “Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno”.

Poi agisce con astuzia, derubando per l'ultima volta il suo padrone. Infatti, chiama i debitori e riduce i debiti che hanno nei confronti del padrone, per farseli amici ed essere poi da loro ricompensato.

Il valore della scaltrezza a fin di bene, secondo il Vangelo

Francesco spiega che “Gesù non vuole certo esortare alla disonestà ma riconosce il valore della scaltrezza”.

Cioè quel misto di intelligenza e furbizia che permette di superare situazioni difficili. Il padrone infatti lodò quell'amministratore.

L'invito di Gesù, ha detto ancora il Papa, vuole dirci: “Fatevi degli amici con la ricchezza”.

Addirittura “con la ricchezza disonesta perché quando questa verrà a mancare vi accolgano nelle dimore eterne”.

L'interrogativo dell'amministratore disonesto cacciato da padrone, “Che cosa farò ora?”, ci fa capire, ha spiegato Francesco, che siamo sempre in tempo per sanare con il bene, il male compiuto.

Il prossimo Angelus del 29 settembre sarà dedicato alla Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato.

Correlati:

Papa Francesco: non ha senso chiudere ai migranti
Tags:
Papa Francesco
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik