Widgets Magazine
06:41 24 Ottobre 2019
Cannibali alle Figi

Uomo accusato di cinque misteriose morti per "stregoneria" alle Figi

© Foto: Public domain / Coulon
Mondo
URL abbreviato
0 06
Seguici su

Alle Figi un uomo dovrà rispondere dell'accusa di plurimo omicidio dopo in seguito alle misteriosi morti, per "stregoneria", di cinque membri di una famiglia.

Muhammad Raheesh, questo il nome dell'omicida, è accusato di aver ucciso cinque persone nella località di Nausori Highlands.

Il mese scorso qui sono stati trovati i corpi senza vita di Nirmal Kumar, 63 anni, di sua moglie Usha Devi, 54 anni, della loro figlia Nileshni Kajal di 34 e delle figlie di quest'ultima, Sana e Samara, rispettivamente di 11 e 8 anni.

Il terzo figlio della signora Kajal, di appena un anno, era stato trovato sul luogo della tragedia disteso in mezzo ai corpi dei suoi familiari assassinati, dove era riuscito miracolosamente a sopravvivere per 36 ore dopo la loro morte.

Sulle vittime non erano state trovate ferite, facendo presupporre alla polizia che la morte potesse essere stata causata da avvelenamento.

A portare gli inquirenti sulla pista giusta è stato però il padre delle due bambine uccise, separato dalla moglie, che ha raccontato che i suoi ex suoceri si interessavano di stregoneria ed erano stati indottrinati proprio da Raheesh.

"Ho visto più volte i miei ex suoceri e altri stregoni fare delle bambole con un impasto di farina e infilarci dentro degli aghi. Quando ciò succedeva io portavo sempre le mie piccole nella stanza da letto", ha dichiarato l'uomo.

Grazie alla testimonianza del padre delle due bambine uccise, la polizia si è riuscita a mettere sulle tracce di Raheesh, che nel frattempo si era trasferito in Nuova Zelanda, a Christchurch, dopo anni passati a 'prestare servizio' come guaritore nella comunità delle vittime.

L'uomo, in particolare, aveva curato per molti anni la signora Devi, quando questa soffriva di forti dolori all'addome.

La polizia, una volta trovato l'uomo, lo ha immediatamente arrestato.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik