Widgets Magazine
15:52 14 Ottobre 2019
Gli UFO

Gli UFO esistono e hanno violato lo spazio aereo americano, lo dice la Marina USA

© Foto : Pixabay
Mondo
URL abbreviato
748
Seguici su

Il portavoce della marina militare USA, Joseph Gradisher, per la prima volta ha confermato pubblicamente l'autenticità di tre avvistamenti di "fenomeni aerei non identificati".

La terminologia è importante. Per scetticismo o per non creare allarmi, autorità militari e civili definiscono gli oggetti volanti avvistati come droni o palloni aerostatici. Ma adesso Gradisher usa lo stesso gergo tecnico degli ufologi: "La marina considera i fenomeni ripresi nei tre video come non identificati". 

Con questi termini il militare, in una dichiarazione rilasciata alla rivista Vice, si è riferito a tre famosi avvistamenti. Si tratta di video ripresi durante i voli da piloti di aereo, tra il 2004 e il 2015 e resi pubblici dall'organizzazione dell'ex vocalist dei Blink 182, Tom DeLonge, nel 2017.

La notizia dei tre avvistamenti aveva suscitato molto clamore negli USA. John Greenwald, autore e curatore di The Black Vault, il più grande archivio on line di documenti declassificati, aveva richiesto lo scorso agosto alla US Navy di esprimersi sull'attendibilità dei tre avvistamenti.

 

Le reazioni 

La dichiarazione del portavoce della Marina ha provocato la reazione entusiasta di Greewald. 

“Ero abbastanza certo che i militari USA avrebbero utilizzato lo stesso linguaggio dei documenti ufficiali, etichettando il fenomeno come "droni" o "palloni". Invece no, hanno definito il fenomeno mostrato dai video come "non identificato". "Questo mi ha sorpreso, intrigato e mi spinge ad andare avanti verso la verità".

Anche Roger Glassel, della rivista svedese UFO - Aktuelit, ha definito "notevole", la terminologia utilizzata dalla marina. 

"Il fatto che la Marina usi la terminologia "fenomeni aerei non identificati, mostra che ha ampliato il campo di investigazione dei piloti di combattimento, per indagare su qualsiasi fenomeno sconosciuto nel nostro spazio aereo".

Tuttavia non è detto che le investigazioni siano mirate a scovare UFO, o se si tratta semplicemente della normale difesa del territorio, nel "tentativo di registrare intrusioni non identificate da parte di avversari sconosciuti e essere pronti a nuove sorprese tecnologiche".

Il blogger  Jack Brewer - una eminenza nel mondo degli ufologi - ha invitato a non leggere più di quello che c'è nelle parole di Gradisher. "E' importante dare priorità ai dati disponibili per una revisione pubblica" ma non c'è modo di trovare, nella dichiarazione della Marina, un riferimento a fenomeni di natura extraterrestre.

Insomma, gli oggetti volanti non identificati esistono, ma non è dato sapere se appartengono a questo o di altri mondi. 

Tags:
aerei, marina USA, UFO
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik