Widgets Magazine
08:40 19 Ottobre 2019

Entro tre anni i robot sostituiranno 120 milioni di lavoratori

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
7420
Seguici su

L'intelligenza artificiale avrà un impatto globale su 120 milioni di lavoratori, che nei prossimi tre anni saranno costretti a cambiare mansione o riqualificarsi.

Lo rivela un'indagine della Ibm, su quelle che saranno le future applicazioni dell'Intelligenza Artificiale e sulle intenzioni dei datori di lavoro. Senza fare troppi giri di parole, i robot si sostituiranno agli uomini. Ai lavoratori toccherà riqualificarsi, cambiare mansioni o trasferirsi, pur di non rimanere disoccupati.

L'impatto dell' Intelligenza Artificiale colpirà maggiormente la Cina, dove è stimato che toccherà a ben 50,3 milioni di lavoratori modificare il proprio ruolo. A rischio licenziamento saranno anche 11,5 milioni di lavoratori statunitensi, 7,2 milioni di brasiliani, 4,9 milioni di giapponesi e 2,9 milioni di lavoratori tedeschi. 

Nuove figure professionali

L'impatto dei robot nel mondo del lavoro, tuttavia, creerà nuove figure professionali che dovranno essere qualificate. E' possibile, quindi che i lavoratori non dovranno semplicemente acquisire più competenze ma adattarsi a mansioni nuove e completamente differenti. 

“La sfida- scrive Ibm- consisterà nel potenziare i lavoratori per riempire i nuovi posti di lavoro, o con operazioni di formazione o con lo spostamento dei dipendenti”.

Tags:
Lavoro, produzione, robot, intelligenza artificiale
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik