19:28 16 Febbraio 2020
Mondo
URL abbreviato
18766
Seguici su

Il Pentagono avrebbe elaborato un piano per sbarazzarsi delle difese antiaeree russe presenti nella regione di Kaliningrad in caso di un eventuale attacco da parte di Mosca nella zona.

Secondo il generale Jeffrey Lee Harrigian, comandante dell'aviazione USA in Europa e in Africa, il Pentagono avrebbe già studiato un piano per spazzare via le difese antiaeree russe nella regione di Kaliningrad in caso di attacco da parte di Mosca in questa zona.

"Se ad esempio dovessimo eliminare il SIstema Anti-Aereo Integrado (IADS) di Kaliningrad, sapremmo come fare, statene pur certi... Ci stiamo addestrando proprio per questo. Pensiamo continuamente a questo tipo di piani, e... semmai dovesse rendersi necessario, saremmo pronti ad eseguirli", ha dichiarato Harrigian in un'intervista riportata da Breaking Defense.

Il generale ha poi sottolineato che la risposta da parte di Washington ad un'eventuale aggressione russa dalla regione di Kaliningrad sarebbe  "puntuale ed efficace".

Harrigian si è astenuto dal divulgare dettagli circa le strategie belliche americane per la regione di Kaliningrad, sottolineando però che il piano prevedrebbe "diversi livelli", con attacchi combinati via aria, terra, mare e dallo spazio e ricorrendo addirittura a degli attacchi informatici.

Le tensioni nella regione Kalinigrad

Kaliningrad è il capoluogo e centro principale dell'oblast’ (regione in russo) omonima, exclave russa situata tra la Polonia e Lituania con accesso al mar Baltico, di cui è uno dei maggiori porti.

Il nome della città, passata all'URSS alla fine della Seconda Guerra Mondiale, e poi alla Russia nel 1992, è un omaggio a Michail Ivanovič Kalinin, primo capo di Stato dell'Unione Sovietica.

Negli ultimi anni le tensioni nella zona sono cresciute a dismisura, dopo che Mosca ha reagito con il dispiegamento di missili Iskander proprio a Kaliningrad in seguito l'incremento esponenziale del potenziale militare della NATO dispiegato ai confini russi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook