Widgets Magazine
18:04 21 Ottobre 2019
Vaccini di Ebola

Un'epidemia potrebbe mietere 80 milioni di vittime in due giorni

© East News / AP Photo/Keystone,Jean-Christophe Bott
Mondo
URL abbreviato
357
Seguici su

Degli esperti hanno messo in guardia il mondo su un'epidemia, simile all'influenza, che secondo le stime potrebbe uccidere 80 milioni di vittime in appena due giorni.

Secondo il rapporto pubblicato da una commissione di esperti, diretta dall'ex direttore dell'Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus, l'umanità non sarebbe assolutamente pronta ad affrontare la "reale minaccia" di una possibile pandemia.

Nel rapporto si legge che l'epidemia potrebbe essere scatenata da decine di virus già noti o da nuovi, ancora sconosciuti all'uomo.

"Un agente patogeno ad azione rapida può potenzialmente uccidere decine di milioni di persone, creare danni alle economie e destabilizzare la sicurezza nazionale", si legge nel rapporto del Consiglio di Supervisione della preparazione globale (GPMB), intitolato "Il mondo in pericolo".

Ad aggravare la situazione il "panico" e la "negligenza" 

All'interno del rapporto, 15 dirigenti della salute pubblica di diversi Paesi hanno criticato "il vortice di panico e di negligenza" che caratterizza costantemente la risposta degli Stati alle emergenze sanitarie.

"Quando appare una minaccia seria raddoppiamo i nostri sforzi, ma poi ce ne  dimentichiamo velocemente quando il pericolo è scemato. Ora è il momento di agire", scrivono gli esperti, che poi definiscono "insufficienti" gli sforzi dei governi per prepararsi ad eventuali epidemie dopo i numerosi casi di Ebola scoppiati tra il 2014 e il 2016.

Il direttore generale dell'OMS ha dichiarato che i governi dovrebbero investire di più nel miglioramento dei sistemi sanitari. 

Adhanom ha suggerito di incrementare i fondi destinati alla ricerca sulle nuove tecnologie e di migliorare la coordinazione e i sistemi di comunicazione rapida e di tenere costantemente sotto controllo la situazione.

Quale malattia può essere più pericolosa?

Gli esperti hanno effettuato una suddivisione delle malattie per continente e le hanno divise in due categorie: "malattie emergenti" e "malattie riemergenti". Tra le malattie più pericolose in Europa sono stati menzionati il virus Ebola, il batterio enteroemorragico Escherichia coli O104:H4 che nel 2011 ha già causato un'epidemia nel vecchio continente, e la malattia di Creutzfeldt-Jakob, meglio conosciuta in Italia con il nome di 'Mucca Pazza'.

​Oltre ai virus, ad essere finiti sotto la lente di ingrandimento degli esperti sono i superbatteri resistenti agli antibiotici, che diventano fatali per le persone con il sistema immunitario più debole. I ricercatori hanno poi esortato a non dimenticare dei cosiddetti virus "da laboratorio", dunque di origine artificiale.

La propagazione massiccia delle malattie è dovuta alla rapidità con la quale i geni si spostano per il mondo. Così, ai virus killer capaci di scatenare delle epidemie basterebbero appena 36-50 ore per mietere fino a 80 milioni di vittime in tutto il mondo, scrivono i ricercatori.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik