04:40 08 Dicembre 2019
Brexit: governo britannico sopravvive alla mozione di fiducia

Telefonata Johnson-Merkel, volontà di trovare un accordo entro il 31 ottobre

© Sputnik . Alex MacNaughton
Mondo
URL abbreviato
152
Seguici su

Durante un colloquio telefonico fra Boris Johnson e Angela Merkel, sarebbe emersa una comune volontà di trovare un accordo per la Brexit, entro il 31 ottobre.

Durante la telefonata, il primo ministro britannico e la cancelliera tedesca hanno tentato di fare il punto sullo stato delle negoziazioni, al fine di evitare un'uscita "no deal". Downing Street ha riferito che Londra sta lavorando con "energia e determinazione" per ottenere questo risultato. 

Johnson ha rilevato, inoltre, una sintonia sull'importanza di "accelerare gli sforzi per trovare un accordo senza il backstop" sul confine irlandese, e che dunque possa essere approvato dal Parlamento prima del 31 ottobre. 

L'incontro con Junker in Lussemburgo

La telefonata arriva all'indomani dal vertice tra Johnson e Jean Claude Juncker, avvenuto ieri in Lussemburgo, un incontro che non ha portato ai risultati sperati e in cui il leader britannico ha dovuto subire forti contestazioni da parte dei No Brexit.

Il premier britannico ha chiesto un accordo senza il backstop e il mantenimento della deadline al 31 ottobre, senza proroghe. Junker ha espresso la massima apertura della UE "a esaminare qualunque proposta raggiunga gli stessi obiettivi del backstop", ma ha anche sottolineato l'assenza di qualsiasi proposta da parte della Gran Bretagna. 

A che punto è la Brexit

In questo momento la Brexit è in un vicolo cieco: il parlamento britannico è contrario all'accordo con l'Unione Europea nella sua forma attuale, ma è categoricamente contrario ad una Brexit senza accordo. L'UE rifiuta di riprendere i negoziati e rivedere l'accordo. Il primo ministro insiste sul fatto che la Gran Bretagna lascerà l'UE, il 31 ottobre,con o senza accordo. Johnson ha proposto due volte elezioni anticipate ed entrambe le volte il parlamento le ha respinte.

Tags:
Angela Merkel, Boris Johnson, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik