Widgets Magazine
06:50 16 Ottobre 2019
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e sua moglie Sarah

Netanyahu esorta i cittadini a votare invece di fare sesso nel giorno delle elezioni

© REUTERS / Heidi Levine/Pool
Mondo
URL abbreviato
0 33
Seguici su

In un ultimo messaggio pre-elettorale il premier israeliano ha voluto ricordare alla popolazione del serio rischio che la sinistra possa "andare al governo".

Per far pendere dalla propria parte la bilancia elettorale in Israele, in un confronto che mai quanto oggi potrebbe avere un esito di assoluta incertezza, il premier Benjamin Netanyahu ha deciso di rivolgersi, un'ultima volta, al suo popolo con un post sulla sua pagina Instagram lunedì sera, prima di recarsi alle urne per le elezioni amministrative in programma oggi, 17 settembre.

Nello stato di Israele il giorno delle elezioni viene proclamato festa nazionale e per questo motivo i cittadini non sono tenuti a recarsi al lavoro.

Nel video pubblicato da Netanyahu si vedono delle persone intente a passare una giornata di relax in spiaggia, facendo shopping o navigando su internet: in altre parole, tutto meno che andare a votare.

Ad un certo punto appaiono i piedi nudi di due persone a letto, con una delle due intenta ad accarezzare l'altra, lasciando presupporre che i due abbiano appena terminato di consumare un momento estremamente intimo.

Alla fine del messaggio elettorale si legge la frase "la sinistra sta per andare al governo, portate le vostre famiglie e i vostri amici a votare".

La corsa elettorale in Israele

Secondo gli ultimi sondaggi, i due principali pretendenti delle elezioni israeliane, il premier uscente Benjamin Netanyahu e l'ex capo dell'esercito Benny Gantz, si starebbero affrontando in un testa a testa dove ogni singolo voto conterà.

Per entrambi i candidati, attualmente, il livello di consenso oscillerebbe attorno al 30%, costringendo di fatto il futuro vincitore a scendere a compromessi con uno o più partiti minori, al fine di assicurare una maggioranza stabile di governo.

In caso di vittoria, Netanyahu ha promesso ai propri cittadini l'annessione di una grossa porzione della Cisgiordania alla West Bank e la 'fortificazione' e l'ulteriore messa in sicurezza dei confini del Paese.

In tal senso, il governo uscente, con una mossa a sorpresa, ha legalizzato la colonia di Mevoot Yericho, in Cisgiordania, ad appena due giorni dall'appuntamento elettorale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik