01:41 06 Dicembre 2019
Sidney, Australia

Australia copre attacco hacker cinese per “proteggere il commercio”

© Sputnik . Aleksandr Yurev
Mondo
URL abbreviato
143
Seguici su

Gli investigatori hanno identificato un attacco informatico della Cina perché gli hacker hanno usato codice e tecniche che Pechino avrebbe usato in passato. Tuttavia, la scoperta non è stata mai resa pubblica al fine di preservare i legami commerciali con il gigante asiatico.

Canberra ha deciso di non rivelare pubblicamente che Pechino si è resa responsabile di un attacco informatico al parlamento nazionale questo febbraio, e ai tre maggiori partiti politici pochi mesi prima delle elezioni generali di maggio, ha riferito Reuters, citando cinque persone senza nome con conoscenza diretta della questione.

La scoperta è stata originariamente fatta a marzo dall'Australian Signals Directorate (ASD), l'agenzia di cyber intelligence della nazione.

Il rapporto dell'agenzia, che includeva anche pareri del Dipartimento degli Affari Esteri, avrebbe raccomandato di mantenere segreta la scoperta per evitare di danneggiare le relazioni commerciali con la Cina.

Secondo due fonti, l'attacco ha consentito agli hacker di accedere a documenti politici su temi quali la politica fiscale ed estera, nonché la corrispondenza privata tra legislatori, il loro personale e i cittadini regolari.

La notizia dell'attacco è stata condivisa con almeno due alleati australiani; gli Stati Uniti e il Regno Unito. Entrambi i paesi hanno rifiutato di commentare la questione.

Il Ministero degli Esteri cinese ha negato il coinvolgimento di Pechino negli attacchi di hacking, affermando che senza prove tutte le accuse sono solo "voci" e "calunnie".

"Vorremmo sottolineare che la Cina è anche vittima di attacchi a Internet", ha suggerito il Ministero in una dichiarazione a Reuters.

Anche l'ufficio del primo ministro australiano e l'ASD hanno rifiutato di commentare.

I rapporti commerciali tra Cina e Australia

La Cina è il principale partner commerciale dell'Australia e il più grande acquirente di minerale di ferro, carbone e prodotti agricoli australiani, secondo la CNBC. Pechino rappresenta inoltre un terzo delle esportazioni totali dell'Australia e ogni anno invia oltre un milione di turisti e studenti.

Le autorità australiane hanno affermato che “accusare pubblicamente la Cina dell’attacco” avrebbe potuto “danneggiare seriamente l’economia”.

Correlati:

Australia impone sanzioni alla Russia
Australia, il premier definisce “un miracolo” la vittoria delle elezioni
Senatore australiano: "programma d’immigrazione causa della sparatoria in Nuova Zelanda"
Tags:
Hackeraggio, hacker, Australia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik