Widgets Magazine
07:34 22 Settembre 2019
Il lancio della missione indiana Chandrayaan-2

Entro il 2023 l'India lancerà una sonda lunare con l'aiuto del Giappone

© AP Photo / Manish Swarup
Mondo
URL abbreviato
0 13
Seguici su

Nonostante il recente fallimento della sonda Chandrayaan-2, l'agenzia spaziale indiana è determinata a fare un nuovo tentativo per arrivare sulla Luna, questa volta in collaborazione col Giappone.

La notizia è stata annunciata in mattinata dall'ambasciata giapponese, che ha confermato che i due Paesi lanceranno la nuova sonda entro il 2023.

Con tutta probabilità il nuovo rover sarà fatto atterrare sul Polo Sud della Luna entro il 2023, con la missione di scavare il suolo del lato oscuro della Luna per verificare l'esistenza di risorse idriche al di sotto della superficie lunare.

"La JAXA [Janap Aerospace Exploration Agency, n.d.r.] e la ISRO [Indian Space Research Organisation n.d.r.] hanno in programma di lanciare un nuovo progetto di esplorazione del polo lunare all'inizio del 2020", si legge in una nota dell'ambasciata, che si è unita nei complimenti all'agenzia spaziale indiana per il lavoro svolto con la missione di Chandrayaan-2.

Il piano, che è stato già approvato dal governo di Tokyo, prevede che il Giappone si occupi della progettazione e del lancio del vettore che dovrà portare sulla Luna un lander sviluppato invece da Nuova Delhi.

La missione del Chandrayaan-2

Chandrayaan 2 è decollata dal centro spaziale indiano sull'isola di Sriharikota, nello stato meridionale dell'Andhra Pradesh, il 22 luglio.

Dopo circa 4 settimane di navigazione nello spazio la sonda è entrata nell'orbita del satellite terrestre il 20 agosto scorso, da dove ha scattato delle impressionanti fotografie della superficie lunare.

Il 2 settembre il rover ha poi sganciato un lander, il Vikram, che il 5 settembre è atterrato sul lato oscuro della Luna.

La ISRO ha però perso il contatto con il suo mezzo al momento dell'atterraggio, quando questo si trovava a circa 2 km dal suolo.

Il veicolo è stato poi ritrovato l'8 settembre e i tecnici dell'agenzia spaziale indiana sono tuttora al lavoro per ristabilire il contatto con Vikram.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik