15:59 22 Novembre 2019
Ambulanza

Suicidi: Allarme OMS, 800.000 all'anno, uno ogni 40 secondi

CC BY-SA 2.0 / Massimiliano / Fine turno
Mondo
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Sono 800.000 al mondo le persone che ogni anno si tolgono la vita, per una media di uno ogni 40 secondi. E' quanto ha riferito l'OMS nella sua relazione per la Giornata Mondiale per la prevenzione del suicidio.

Anche se in lieve calo, rispetto agli anni passati - ma non nel continente americano - un suicidio ogni 40 secondi rimane pur sempre un dato allarmante. A riferirlo è l'Organizzazione Mondiale per la Salute. Secondo l'istituto internazionale tra il 2010 e il 2016, il tasso di suicidi ha visto un calo del 9,8%, con punte che vanno dal 19,6% nella regione del Pacifico occidentale al 4,2% nella regione del sud-est asiatico. In controtendenza il continente americano che invece ha registrato un aumento del 6%. I buoni risultati nei paesi in cui il tasso di suicidi è diminuito, sono dovuti all'adozione di politiche di prevenzione.

I paesi con i più alti tassi di suicidio

Il paese con il più alto tasso è la Guyana, con una frequenza di 30,2 suicidi ogni 100000 abitanti. Seguono la Russia, Lituania, Lesotho, Uganda, Sri Lanka, India e Giappone.

I paesi ad alto reddito hanno dei tassi più alti, 11,5 ogni 100000 abitanti, rispetto a Africa, Europa e Sud-Est asiatico che mantengono una media di 10,5 per 100.000 abitanti, mentre la regione del Mediterraneo orientale ha delle percentuali di decessi minori.

In genere gli uomini sono più "predisposti" al suicidio rispetto alle donne. In Francia il tasso di suicidi per le donne si attesta a 6,5 casi ogni 100.000 contro il 17,9 su 100.000 degli uomini. In Cina questa tendenza si inverte, con 8,3 morti per suicidio ogni 100.000 donne contro 7,9 per 100.000 uomini.

I casi di suicidio

In generale la maggior parte delle morti per suicidio riguarda individui con età inferiore ai 45 anni. L'OMS rivela anche una preoccupante incidenza sui giovani. Il suicidio sarebbe infatti la seconda causa di morte per gli individui tra i 15 e i 24 anni, dopo gli incidenti stradali. 

Il metodo di suicidio più diffuso è l'impiccagione, seguito da auto-avvelenamento da pesticidi e dalle armi da fuoco. Alcune iniziative in Sri Lanka e Corea del Sud, hanno dimostrato come semplici misure, ad esempio un più difficile accesso ai pesticidi, possano ridurre sensibilmente la mortalità. 

In Sri Lanka, infatti, il divieto su sostanze antiparassitarie, tra il 1995 e il 2015 ha portato a una diminuzione dei suicidi del 70%, salvando 93.000 dalla morte, secondo quanto riferisce l'OMS.

Tags:
Statistica, suicidio, OMS
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik