02:40 20 Novembre 2019
Missile intercontinentale russo Bulava (foto d'archivio)

"L'ultima cosa che vedrete": missile russo terrorizza i media americani

Federal State Unitary Enterprise
Mondo
URL abbreviato
7333
Seguici su

Il missile balistico intercontinentale russo navale R-30 Bulava è oggi una delle armi più impressionanti al mondo.

Lo scrive il portale statunitense We are the mighty.

Secondo l'autore dell'articolo, questa arma può radere al suolo intere città negli Stati Uniti.

"Questo missile russo potrebbe essere l'ultima cosa che vedrete", si evidenzia nell'articolo.

Il giornalista ha prestato particolare attenzione alla gittata del razzo, che raggiunge gli 8mila chilometri.

"E' abbastanza grande per un sottomarino per sparare dalla costa meridionale del Brasile e colpire qualsiasi punto della costa orientale degli Stati Uniti. Quando colpirà, sarà devastante", scrive il portale.

L'autore dell'articolo ha osservato che Bulava può trasportare da sei a dieci testate nucleari teleguidate a velocità ipersonica. La massa complessiva delle testate è di 1,15 tonnellate. Inoltre ogni sottomarino è attrezzato per trasportare fino a 16 missili di questo tipo.

"E' uno strumento di distruzione assoluta. Ogni sottomarino può colpire, secondo stime prudenti, 72 bersagli delle dimensioni di una città", afferma l'autore dell'articolo.

I test di successo di questo missile inducono a pensare che questa arma navale possa radere al suolo intere regioni degli Stati Uniti, aggiunge l'esperto.

Il missile R-30 Bulava

R-30 "Bulava" (secondo la classificazione Nato: SS-NX-30 - ndr) è un missile balistico intercontinentale a propellente solido a tre stadi. Viene schierato sugli incrociatori sottomarini del progetto 955 Borey. Può trasportare fino a dieci testate nucleari e superare la difesa missilistica del potenziale nemico. La gittata massima del razzo supera gli 8mila chilometri.

Tags:
Geopolitica, Difesa, Sicurezza, Missile nucleare, missile balistico, Armi, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik