Widgets Magazine
12:51 13 Novembre 2019

Il Capo del Pentagono: "Sarebbe meraviglioso se la Russia si comportasse bene..."

© AP Photo / Chuck Burton
Mondo
URL abbreviato
20536
Seguici su

Nel suo tour diplomatico a Parigi, Esper auspica con parole forti una nuova collaborazione con Mosca.

Forse quell'auspicio “sarebbe meraviglioso...” pronunciato dal Capo del Pentagono, Mark Esper a Parigi riferito al miglioramento dei rapporti con la Russia potrà sembrare un passo troppo in avanti ma indubbiamente l'intervento del segretario alla Difesa Usa è apparso distensivo nei confronti di Mosca.

Esper, nella capitale della Francia per il suo tour diplomatico in Europa, durante la conferenza stampa congiunta col Presidente francese Emmanuel Macron, ha esortato con grande trasporto la Russia a cambiare il proprio comportamento nei confronti delle nazioni vicine affinché, dicendo “in futuro si possa lavorare insieme e concentrarsi più sulle cose che uniscono Usa e Russia che in quelle che ci dividono”.

“Sarebbe meraviglioso se la Russia si comportasse come un Paese normale che condivide i valori occidentali che uniscono Usa, Francia e gli altri Paesi che aderiscono alla Nato”.

Esper si è detto inoltre dispiaciuto che i due Paesi si trovino in una situazione simile così difficile: “il nostro obiettivo è riportare la Russia sul giusto cammino in modo da poter finalmente lavorare insieme”.

Macron: "il rapporto ostile con la Russia mostra la nostra debolezza"

Prima di lui Macron aveva affermato che “spingere la Russia fuori dal contesto europeo è un grave errore e che senza una revisione dei rapporti con Mosca è impossibile qualsiasi progetto di Europa”.

Macron alla fine fa una riflessione: “mantenere una posizione conflittuale con la Russia fa apparire noi stessi in una condizione di debolezza nei rapporti con la Russia stessa”.

Correlati:

Il capo del Pentagono all’Europa: contribuite di più, noi dobbiamo pensare al muro
Pentagono taglierà 127 programmi per finanziare muro con il Messico
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik