Widgets Magazine
22:56 20 Settembre 2019
A-10 Thunderbolt in esercitazione

"Oops, mi sono bombardato addosso!": jet Usa sgancia fosforo bianco in Arizona

© Foto: Konflikty.pl [Attribution or Attribution]
Mondo
URL abbreviato
Di
11021
Seguici su

Incursione nel deserto sbagliato, colpo accidentale o esercitazione programmata? Un jet americano lancia un razzo al fosforo bianco durante un volo di routine nei pressi di Tucson, Arizona. Secondo i funzionari militari l’evento sarebbe ‘accidentale’. Ma qualcosa non quadra.

Un A-10C Thunderbolt II che volava in missione di addestramento tra Tucson e Phoenix "ha rilasciato involontariamente un singolo razzo M-156", ha ammesso ieri, giovedì 5 settembre, la base aeronautica di Davis-Monthan, rassicurando i lettori di un media locale che "il razzo ha avuto un impatto minimo nel deserto in una zona disabitata” a 60 miglia (quasi 100 km) a nord-est di Tucson, chiamata Jackal Military Operations Area.

La testata M156 è una munizione al fosforo bianco incendiaria vietata dalle convenzioni internazionali perchè causa ustioni profonde e penetranti e può uccidere anche per inalazione. Il fosforo bianco è tuttavia consentito a scopo di illuminazione o di cortina fumogena per coprire le ritirate.

In realtà questa sostanza è stata notoriamente dispiegata in Iraq, Libano, Afghanistan, Yemen, Siria, Gaza. Il suo uso nelle aree civili sarebbe in teoria tassativamente vietato, ma Stati Uniti, Arabia Saudita e Israele giustificano la sua presenza in arsenale con la necessità di avere uno strumento che produca cortine di fumo.

Il lancio del missile M156 è avvenuto alle 10:40 circa ora locale e sarebbe ora oggetto di indagine pur non essendo stati segnalati feriti o danni alle cose. Le domanda, del tutto legittima, a parte se lo sgancio sia avvenuto per errore o per esercitazione, è: perchè eseguire esercitazioni con carichi al fosforo bianco se si tratta di una sostanza proibita dalle convenzioni?

Bombe lanciate "per sbaglio"

Per la verità non è la prima volta che proprio un jet A-10C Thunderbolt II sgancia per ‘sbaglio’ delle bombe in territorio USA. Un episodio altrettanto curioso era avvenuto appena pochi mesi prima (2 giugno) ed era stato riportato anche dalla CNN. Nel corso di una "missione di addestramento di routine", uno di questi jet, assegnato al 23° gruppo di caccia, decollò dalla base di Moody Air Force situata nella contea di Lowndes, in Georgia, e durante il volo rilasciò involontariamente tre BDU-33, munizioni di addestramento perchè, secondo le fonti, il velivolo avrebbe incocciato contro uno stormo di uccelli.

Sebbene le BDU-33 siano inerti, contengono piccole cariche pirotecniche e l’evento causò grande apprensione da parte delle autorità con tanto di annuncio pubblico a non toccare i residui. Per diverse settimane tutta la zona al confine tra Georgia e Florida rimase interessata dalle ricerche per la bonifica. Questo il comunicato diramato allora dall’areonautica:

"Se trovate la munizione di addestramento, non avvicinatevi, prendete nota della posizione, lasciate l'area e tenete gli altri lontani. Quindi, contattate il 23d Wing Command Post al numero (229) 257-3501 o le autorità locali”.

L'utilizzo di bombe al fosforo "sul campo"

Se la cosa fa un po’ sorridere considerate però che, secondo le autorità militari russe e un’inchiesta su loro denuncia poi avviata, almeno due aerei statunitensi F-15 avrebbero lanciato bombe al fosforo sulla provincia siriana di Deir al-Zor appena l’anno scorso come riportato anche dalla Reuters il 9 settembre 2018.

Gli attacchi aerei avrebbero colpito il villaggio di Hajin, una delle ultime roccaforti dello Stato islamico in Siria, e, secondo le testimonianze delle autorità militari russe, avrebbero provocato vasti incendi, pur non essendo note informazioni sulle eventuali vittime. Un portavoce del Pentagono aveva poi commentato:

"Nessuna delle unità militari nella zona è nemmeno dotata di munizioni al fosforo bianco di alcun tipo."

Gruppi per i diritti umani avevano altrettanto convintamente affermato che la coalizione guidata dagli Stati Uniti contro lo Stato islamico stesse usando munizioni al fosforo bianco sia in Siria che Iraq. Famoso è stato il servizio giornalistico di Sigfrido Rinucci per RaiNews24 sul fosforo bianco utilizzato in Iraq a Falluja nel 2004.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik