03:52 22 Novembre 2019
La sede della Nsa a Fort Meade.

Russia minaccia numero uno nel cyberspazio per gli Stati Uniti

© AP Photo / Patrick Semansky
Mondo
URL abbreviato
4215
Seguici su

La Russia continua a destare gravi preoccupazioni per gli Stati Uniti nel cyberspazio, ha affermato oggi Glenn Gerstell, consulente legale numero uno della Nsa statunitense (servizi segreti).

"Ci sono quattro Paesi a cui prestiamo particolare attenzione. La Russia per il suo grande potenziale di creare problemi, soprattutto in termini di diffusione di fake news e disinformazione. È un Paese con meno Pil rispetto agli Stati dell'Illinois o della Pennsylvania, ma guardate quali problemi può creare nel cyberspazio. Quindi la Russia è sicuramente al primo posto", ha detto in una conferenza su intelligence e sicurezza nazionale.

Al secondo posto, secondo le autorità statunitensi, c'è la Cina, che mira a rubare la proprietà intellettuale e le informazioni.

Il gigante asiatico è seguito dalla Corea del Nord, specializzata in reati finanziari, in particolare sfruttando le vulnerabilità delle criptovalute.

"Infine l'Iran, dal comportamento imprevedibile in Medio Oriente, che al contempo si concentra a danneggiare gli Stati Uniti con attacchi alle infrastrutture e al sistema bancario", ha affermato Gerstell.

Secondo Gerstell, la minaccia nel cyberspazio rimane il principale pericolo degli ultimi 6-8 anni e il contesto peggiora costantemente con lo sviluppo delle tecnologie e la rapida crescita del numero di dispositivi e applicazioni vulnerabili.

La risposta della Russia

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva dichiarato in precedenza che la Russia non è e non sarà mai implicata in crimini cibernetici, mentre al contrario il coinvolgimento degli Stati Uniti negli attacchi informatici è ufficialmente confermato. Inoltre la Federazione Russa ha ripetutamente respinto le accuse di ingerenza nel processo elettorale di altri Paesi, incluse la campagna presidenziale negli Stati Uniti e le elezioni europee.

Tags:
hacker, cyberspazio, cyber-security, Russia, USA, Servizi segreti USA, NSA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik