02:19 20 Novembre 2019
Un gallo

Il gallo Maurice può cantare: la sentenza del tribunale francese

CC0 / Pexels / Coq
Mondo
URL abbreviato
210
Seguici su

Il tribunale ha respinto la causa legale di alcuni abitanti del piccolo comune francese di Saint-Pierre-d'Oléron contro la padrona di Maurice.

Il gallo, secondo le accuse, sveglia tutto il paese con il suo “chicchirichì”, che comincia troppo presto la mattina.

“La giustizia ha permesso al gallo Maurice di continuare a cantare (...), respingendo l’azione legale dei vicini, che lo accusavano di svegliarli sto la mattina”, comunica France Info.

Le vicende che vedono come protagonista Maurice, che vive nella regione della Charente-Maritime, continuano da anni. A denunciare lui e la sua padrona Corinne Fesseau sono state delle anziane che abitano nelle vicinanze, disturbate dal canto del pennuto nelle ore della prima mattina.

Il caso ci ha messo un po’ ad arrivare in tribunale: le pensionate avevano sporto denuncia già nella primavera del 2017. Allora in sostegno del volatile e della sua padrona sono state create due petizioni, appoggiate da quasi 155mila persone.

La seduta del tribunale per la discussione del caso si è tenuta a giugno 2019, ma in aula non si sono presentati né le querelanti né il gallo con la padrona. L’annuncio della sentenza è stato dunque fissato per il 5 settembre.

La vicenda del gallo Maurice è diventata emblematica delle difficoltà che provano in Francia due diversi gruppi sociali: gli abitanti originari della campagna e coloro che si trasferiscono fuori città per godersi un po’ di quiete.

Il punto cruciale del caso è stata l’attribuzione della località di Saint-Pierre-d'Oléron, nell’ovest del paese, alla categoria delle zone rurali o urbane. Il piccolo comune, secondo quanto detto dal legale dell'accusa, conta 7000 abitanti d'inverno e 35000 d'estate.

In questi anni il pennuto canterino a conquistato non pochi fan, che lo hanno sostenuto sui social network. Sono in molti oggi a esultare su Facebook e Twitter, condividendo la foto di Maurice e della sua padrona Corinne soddisfatti della sentenza.

Tags:
Animali
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik