05:27 16 Dicembre 2019
Greta Thunberg

Greta Thunberg: "L'autismo è il mio superpotere"

© AP Photo / Oliver Berg
Mondo
URL abbreviato
4516
Seguici su

La giovane attivista ha rivelato su Twitter di essere affetta dalla sindrome di Asperger, senza tuttavia ritenerla una limitazione bensì un vero e proprio "superpotere".

A dispetto delle critiche ricevute in quest'ultimo periodo, la 16enne svedese Greta Thunberg ha parlato della sua sindrome di Asperger, dalla quale è affetta e alle possibili limitazioni che essa può comportare.

"Quando chi vi odia attacca il vostro aspetto fisico, le vostre difference, significa che non hanno altro da dire su di voi. E allora vi rendete conto di star vincendo!", ha scritto la Thunberg su Twitter, che in questo modo ha voluto rispondere a tutti coloro che la avevano criticata per il suo aspetto "differente".

Una malattia che non sembra però limitare minimamente la ragazza, ma che anzi viene considerata una risorsa dalla giovane svedese: "Ho la sindrome di Asperger e ciò significa che ogni tanto sono un po' differente dalla norma. Ma in buone circostanze essere differente è un superpotere!", ha scritto.

La Thunberg ha poi però raccontato che la situazione non è sempre stata così positiva, e che invece sono stati molti i momenti in passato in cui si sentiva "limitata": "Non avevo amici e non parlavo con nessuno. Me ne stavo sempre tutta sola a casa e avevo dei disturbi alimentari".

La svolta? Trovare un senso alla propria vita, dedicandosi alla lotta per salvare il pianeta: "Ma ora è tutto passato da quando ho trovato un senso in un mondo che alle volte sembra superficiale ed insignificante per molte persone".

Lo scorso 28 agosto Greta Thunberg ha raggiunto New York dopo una 'ecotraversata' in barca a vela durata nel complesso 15 giorni per portare il suo messaggio di cambiamento in tema di difesa dell'ambiente.

La ragazza era poi rimasta vittima di una bufala di pessimo gusto, con alcuni utenti di Wikipedia in francese che la avevano dichiarata morta.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik