01:01 16 Novembre 2019

Svezia finanzierà spese militari con una nuova tassa

© AFP 2019 / Sebastien Bozon
Mondo
URL abbreviato
409
Seguici su

Il governo svedese avrebbe intenzione di finanziare il programma di aumento delle spese militari introducendo una corposa tassa bancaria. La proposta sarà discussa in Parlamento.

La coalizione di centrosinistra, al Governo in Svezia dopo le elezioni dello scorso gennaio, nelle scorse settimane ha approvato un piano di finanziamento militare da oltre 20 miliardi di corone (oltre 2 miliardi di dollari) che ha fatto immediatamente sorgere delle perplessità nelle opposizioni circa le coperture di una manovra così ambiziosa.

A dissipare i dubbi è intervenuto il ministro delle Finanze Magdalena Andersson, esponente del Partito Socialdemocratico, che ha spiegato come la questione delle coperture potrebbe essere parzialmente risolta introducendo una sostanziosa tassa bancaria.

"È da molto che al Ministero delle Finanze stiamo lavorando ad un modello di tassa bancaria e l'idea è quella di presentare una legge che consenta di recuperare 5 miliardi di corone [circa 500 milioni di dollari, ndr] entro il 2022".

Si tratterà di una tassa che, come confermato dal ministro, coinvolgerà in primo luogo "gli istituti di credito più grandi", mettendo l'accento sul fatto che in questo modo le stesse banche potranno contribuire maggiormente alle specie sociali rispetto a quanto accade oggi. "Si tratta di un settore che fa sempre grandissimi profitti e che ha sempre goduto di sostanziosi tagli delle tasse, pertanto crediamo che le banche possano dare un maggiore contributo alla causa comune", ha concluso la Andersson.

Non si sono fatte attendere le critiche da parte delle opposizioni, secondo cui le conseguenze di una tassa simile alla fine della fiera andrebbero a coinvolgere le persone comuni.

"Non lasciatevi ingannare, la tassa bancaria non viene introdotta per finanziare la Difesa", ha twittato il leader del partito di opposizione Lega Giovanile Moderata.

Nelle scorse settimane il Ministro della Difesa Peter Hultqvist aveva definito il nuovo programma per l'aumento delle spese militari "il più grande rinforzo da molti decenni a questa parte".

Tale programma prevede un rafforzamento in molti ambiti militari, portando la quantità di personale militare dalle attuali 60.000 a circa 90.000 unità e puntando a un miglioramento dell'arsenale militare terrestre e aeronavale.

Nei giorni scorsi il presidente finlandese Sauli Niinistö aveva auspicato una maggiore cooperazione con Svezia e Norvegia in ambito di Difesa per fare fronte alle crescenti tensioni tra le superpotenze.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik