Widgets Magazine
12:54 13 Novembre 2019
Liberato Kirill Vyshinsky

Vyshinsky resterà in Ucraina, non vuole partecipare a scambio di prigionieri - Avvocato

© Sputnik . Stringer
Mondo
URL abbreviato
1101
Seguici su

Il direttore del portale RIA Novosti Ukraina Kirill Vyshinsky resta in Ucraina e non è ancora disposto a prendere parte allo scambio di prigionieri tra Russia e Ucraina, poiché la sua posizione rimane invariata. Lo ha riferito il suo avvocato Andriy Domansky a Sputnik venerdì.

Mercoledì la Corte d'appello di Kiev ha deciso di liberare Vyshinsky, che era stato imprigionato in Ucraina per oltre 400 giorni. Il giornalista, accusato da Kiev di alto tradimento e di sostegno alle repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lugansk ha dichiarato a Sputnik dopo il rilascio che non ha mai cercato di partecipare allo scambio di prigionieri.

"Kirill è in Ucraina... Non ha cambiato posizione sullo scambio, che ha espresso in precedenza, anche in aula", ha detto Domansky.

La prossima udienza del caso Vyshinsky è prevista per il 16 settembre.

La reazione del Cremlino alla liberazione di Vyshinsky 

In precedenza il Cremlino ha dichiarato di ritenere che la liberazione del capo del portale RIA Novosti Ukraina Kirill Vyshinsky dalla custodia sia un’azione concreta da parte di Kiev e che la accoglie con favore, ha detto ai giornalisti il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

"Stiamo certamente osservando con grande attenzione il cambiamento di potere in Ucraina, ma voglio ricordare la dichiarazione di Putin secondo cui sarà possibile giudicare con azioni concrete, parole concrete e che questo è ciò che dobbiamo aspettare. Ci sono azioni concrete: per esempio, la decisione sulla liberazione di Vyshinsky è ciò che accogliamo. Aspettiamo le altre", ha detto Peskov.

Correlati:

Caporedattrice Sputnik ha raccontato della conversazione avuta con Vyshinsky
Tribunale ucraino ha liberato il giornalista Vyshinsky
Kirill Vyshinsky: obiettivo prioritario difendere mio buon nome
Tags:
Ucraina, RIA Novosti, Kirill Vyshinsky
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik