17:32 22 Novembre 2019
Hillary Clinton

Netflix vuole girare una serie TV su Hillary Clinton e la sua sconfitta alle elezioni

© AP Photo / Charlie Neibergall
Mondo
URL abbreviato
203
Seguici su

Il gigante delle serie TV sta pensando di realizzarne una basata su un libro di una giornalista americana che aveva seguito la corsa elettorale della Clinton nel 2016. La guardereste?

L'opera dovrebbe chiamarsi The Girls on the Bus, un omaggio a The Boys on the Bus, un libro dedicato alla storia di un gruppo di giornalisti on the road che aveva seguito la campagna elettorale del 1972. 

La storia ripercorrerà uno dei capitoli del romanzo best-seller Chasing Hillary della scrittrice e giornalista del New York Times Amy Chozick, che nel 2016 aveva seguito da vicino la campagna presidenziale della Clinton, conclusasi con una clamorosa sconfitta contro l'avversario e attuale presidente USA Donald Trump.

Il libro aveva ricevuto ottime recensioni da parte della critica americana, che lo aveva definito un punto d'incontro tra Il diario di Bridget Johns e Costi quel che costi.

Se però nel libro ad essere raccontate sono per lo più le impressioni della Chozick sulla campagna elettorale della Clinton, la serie si concentrerà invece sulla storia di quattro giornaliste, nessuna delle quali realmente esistita, e del loro lavoro durante il periodo delle elezioni. Sembrerebbe dunque che la Clinton possa non essere uno dei personaggi principali della produzione. 

La scrittrice Amy Chozick sarà impegnata alla stesura della sceneggiatura insieme a Julie Plec, produttore esecutivo della serie The Vampire Diaries.

Ancora non è stata resa nota una possibile data d'uscita della serie, annunciata dalla stessa Julie Plec con grande entisiasmo.

"Ci ho lavorato tutta l'estate. Sono così eccitata che abbia trovato una casa. Amy Chozick è una star-scrittrice assoluta", ha twittato la produttrice e sceneggiatrice, esprimendo ammirazione anche per il sceneggiatore, regista e produttore Greg Berlanti e la produttrice Sarah Schechter, anche loro coinvolti nel progetto.

"Yesssss", scrive con non meno entusiasmo la scrittrice Amy Chozick.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik