00:53 16 Novembre 2019

Guerre stellari: gli USA inaugurano il 'Comando Spaziale'

© AP Photo / Alex Brandon
Mondo
URL abbreviato
326
Seguici su

Da giovedì, il comando spaziale è ufficialmente operativo negli Stati Uniti, diventando il sesto tipo di forze armate del paese, oltre alle forze di terra, l'Aeronautica Militare, la Marina, il Corpo dei Marines e la Guardia Costiera.

La nuova struttura sarà guidata dal Generale a quattro stelle John Raymond, che, a detta del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump che lo ha ufficialmente investito della carica nella cerimonia di presentazione, è uno dei più in vista e stimato nel suo ambiente. La bandiera di comando è stata presentata nel Roseto della Casa Bianca durante la cerimonia stessa avvenuta giovedì.

"La nuova unità proteggerà i principali interessi americani nello spazio e nelle guerre del futuro", ha dichiarato Trump, "abbiamo la capacità di rilevare e distruggere qualsiasi missile lanciato nella direzione degli Stati Uniti. Questo comando assicura che nessuno può mettere in discussione o minacciare il dominio americano nello spazio. Perché sappiamo che il modo migliore per prevenire i conflitti è prepararsi alla vittoria", ha detto.

Gli USA inaugurano il 'Comando Spaziale'
© Sputnik . Vitaly Podvitsky
Raymond ha ringraziato il presidente per l'istituzione della struttura e gli ha consegnato una medaglia con la scritta: "Comando delle forze spaziali: 29 agosto 2019".

L'ordine per la creazione delle forze spaziali dato dal Presidente americano risale al giugno 2018. Sotto questo comando vi saranno 87 unità e divisioni. Per l’anno 2019, sono stati già stanziati 12 miliardi di dollari per sostenere il nuovo tipo di forze armate.

La militarizzazione dello Spazio

In occasione della presentazione del progetto parlando alla Casa Bianca in un incontro con i membri del National Space Council, trasmesso sul sito web della presidenza, Trump si era così espresso:

"Per l'America non è sufficiente limitarsi a mantenere la propria presenza nello spazio. Dobbiamo dominare nello spazio. Questo è molto importante, quindi sto dirigendo il Ministero della Difesa a iniziare immediatamente il processo, che porterà alla formazione di forze spaziali come il sesto tipo delle forze armate del Paese".

Il problema della sicurezza e del dominio nello spazio era stato sollevato per la prima volta da Ronald Reagan (40° Presidente degli Stati Uniti tra il 1981 e il 1989). Il concetto di "Star Wars" che presentò nel 1983 ebbe un'applicazione militare diretta. Portò infatti alla creazione e il dispiegamento non solo di sistemi di tracciamento e lancio di missili (come, ad esempio, il sistema a infrarossi tuttora in uso), ma anche ad un ‘gruppo di attacco satellitare’ che potrebbe diventare unità di combattimento a pieno titolo in grado di intercettare i missili nemici.

Dall’altro canto già a marzo di quest’anno il Generale dell'esercito e capo dello stato maggiore russo Valery Gerasimov a una conferenza sulla strategia militare dichiarava che a sua volta la Russia dovrà rispondere alla minaccia della militarizzazione dello spazio da parte degli Stati Uniti con misure speculari e al tempo stesso asimmetriche.

Di questa mattina è a sua volta la replica via Twitter all'iniziativa americana di Dmitry Rogozin, Direttore della Roscosmos, l'Agenzia spaziale russa:

"Tutto sta andando in quella direzione. Lentamente ma inesorabilmente. Nessuno alla Roscosmos si fa illusioni al riguardo".

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik