Widgets Magazine
01:41 12 Novembre 2019
Incendi in Amazzonia

Amazzonia, Bolsonaro accetterà l'aiuto internazionale a una condizione

© AP Photo / Eraldo Peres
Mondo
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, fa un passo indietro rispetto al “sì” ma con mille condizioni, espresso appena ieri in risposta all'offerta di aiuti in denaro (20 milioni di dollari) proposta dal presidente francese, Emmanuel Macron durante il G7 di Biarritz, per spegnere i giganteschi incendi che stanno distruggendo da mesi la foresta dell'Amazzonia.

Dopo aver “preso cappello” per le critiche che gli aveva rivolto il capo dell'Eliseo (“è il Trump dei tropici”) e dopo aver accusato lo stesso Macron di “volere interferire sulle questioni interne del Brasile” e avere inoltre condizionato l'eventuale aiuto finanziario, affermando “che questi soldi che entrano in Brasile siano sotto il controllo del popolo brasiliano”, alla fine ci ha ripensato facendo sapere, attraverso il suo portavoce, Otavio Rego Barros che “qualsiasi risorsa che venga dall'estero per aiutarci nella nostra attuale lotta contro gli incendi è benvenuta”.

Tra i due da qualche giorno è in corso una schermaglia, iniziata prima dell'apertura del G7, con le accuse di Macron al presidente brasiliano: “ha mentito al vertice del G20 di giugno a Osaka, decidendo di non rispettare i suoi impegni sul clima", proseguita poi, con discutibile stile da parte di Bolsonaro, attraverso commenti poco lusinghieri sui social nei confronti della consorte del presidente francese, Brigitte.

Gli incendi in Amazzonia

Ora il passo indietro repentino. Gli incendi che stanno devastando l'Amazzonia stanno disegnando una situazione veramente grave: da gennaio ad oggi, secondo dati dello stesso Inpe, l'Istituto brasiliano per indagini ambientali, avrebbero già distrutto il 51% delle foreste amazzoniche con un aumento dell'80% rispetto al 2018. I 20 milioni di dollari ovviamente non basteranno a bloccare le fiamme.

Altri aiuti finanziari sono stati già promessi (15 milioni di dollari) dal presidente del Canada, Justin Trudeau che invierà anche alcuni bombardieri d'acqua mentre la Apple, attraverso il Ceo, Tim Cook ha deciso anch'essa di fare la sua parte: "è sconvolgente vedere fiamme e distruzione devastare la foresta amazzonica, uno degli ecosistemi più importanti del mondo".

Tags:
Jair Bolsonaro, Brasile
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik