13:32 17 Novembre 2019
Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif

Ministro Esteri Iran si oppone a revisione accordo sul nucleare

© AFP 2019 /
Mondo
URL abbreviato
170
Seguici su

Teheran è contraria alla revisione del Piano d'azione globale congiunto sul programma nucleare iraniano (PACG), ha affermato il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif.

"La nostra posizione è molto chiara: crediamo che non possano essere condotti nuovi negoziati sul PACG", ha dichiarato Zarif, il cui commento dopo l'incontro con il presidente francese Emmanuel Macron è stato pubblicato dal Ministero degli Esteri iraniano.

Il ministro degli Esteri iraniano ha inoltre definito costruttivi i colloqui con Macron, rilevando che durante la riunione le parti si sono scambiate proposte su come garantire la piena attuazione dell'accordo nucleare.

Secondo Zarif, che ha condotto colloqui con il leader francese prima della riunione del G7 in Francia, il vertice sarà un'opportunità per Macron di discutere questioni relative all'accordo nucleare con altri paesi, comprese le parti dell'accordo.

Il dialogo tra Parigi e Teheran

Negli ultimi mesi, l'Iran e la Francia hanno mantenuto un dialogo politico attivo, in particolare tramite le visite del consigliere del presidente francese a Teheran, nonché una serie di conversazioni telefoniche tra i presidenti dei due paesi, durante le quali è stata discussa la situazione relativa all'accordo nucleare.

Zarif ha sottolineato che il dialogo tra i presidenti Hassan Rouhani ed Emmanuel Macron continuerà. La visita del ministro in Francia è avvenuta poche settimane prima di un'eventuale terza fase della riduzione degli obblighi relativi al PACG da parte di Teheran in risposta al mancato rispetto da parte dei partecipanti a questo accordo.

Correlati:

Iran, Zarif: arricchiremo l’uranio ad oltre il 3,67%
Zarif: l’Iran ha deliberatamente violato l’accordo sul nucleare
Zarif: "un'illusione" la guerra lampo di Trump contro l'Iran
Tags:
Javad Zarif, Emmanuel Macron
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik