03:16 08 Dicembre 2019
Il segretario del Pd Nicola Zingaretti

Crisi di governo, oggi primo incontro Pd-M5s

© AP Photo / Antonio Calanni
Mondo
URL abbreviato
319
Seguici su

Continuano oggi le trattative con l’incontro alla camera degli ex rivali del Partito Democratico e del Movimento Cinque Stelle.

Dunque oggi alla Camera si incontreranno i presidenti dei deputati e dei senatori Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli per i Cinque Stelle e i capigruppo Andrea Marcucci e Graziano Delrio e il vicesegretario Andrea Orlando per il Pd.

Secondo voci del Pd potrebbe esserci un incontro tra Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti.

Pare che le trattative verranno dirette dal Movimento 5 Stelle, che ha il maggior numero di seggi nell'attuale Parlamento. Il vice primo ministro Luigi Di Maio, ha annunciato un programma di 10 punti prioritari che sono più vicini alle origini e alla natura del "cinque stelle". Per poco più di un anno di governo con la Lega, il Movimento ha dovuto rinunciare a molti i suoi principi.

Il primo obiettivo ufficiale dei Cinque Stelle è il taglio dei parlamentari, cosa che il Pd difficilmente accetterà visto che non ha votato la riforma nei suoi tre passaggi alla Camera e che chiede una revisione della legge elettorale.

Tra le altre priorità del M5s: adottare un bilancio in pareggio che ridurrebbe l'onere fiscale e impedire l'aumento dell'IVA, introdurre energia universalmente pulita, riformare la magistratura, combattere la mafia e gli evasori fiscali, un piano d'investimenti nelle regioni meridionali, una riforma bancaria e garantire garanzie sociali e diritti all'istruzione, assistenza sanitaria e tutela dei beni comuni.

I tre “paletti” del Pd

Inizialmente le condizioni poste dal segretario del Pd Nicola Zingaretti erano cinque e si sono tradotte in tre punti fondamentali: la manovra economica da concordare nei minimi dettagli e “nel segno dell’equità”; una diversa politica migratoria con l’abolizione dei due decreti Sicurezza di Salvini; infine un 'no' al taglio dei parlamentari previsto dalla riforma Fraccaro.

I filoleghisti all’interno del M5s

Sia Salvini che i Cinque Stelle stessi non hanno chiuso la porta del dialogo.

In particolare il senatore Gianluigi Paragone (ex direttore della Padani) ha scritto su Facebook “spero che Di Maio ci pensi bene prima di cedere al Pd”.

Correlati:

Salvini schernisce piano del Pd per governo con M5s
Prodi promuove l'alleanza M5S - PD e la battezza "coalizione Ursula"
Intesa Pd-M5s per governo, Calenda attacca Renzi
Tags:
PD, M5S
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik