13:52 19 Novembre 2019
Il gattino clonato di nome “Aglio”

La clonazione di animali domestici è sempre più popolare in Cina

© Foto : Sinogene Biotechnology
Mondo
URL abbreviato
148
Seguici su

La clonazione di animali domestici è molto popolare in Cina. Secondo la società Sinogene, impegnata nella clonazione animale, nel 2018 ha creato 20 cloni di cani e altri 20 nel primo trimestre del 2019. La società prevede d'iniziare a produrre 500 cloni di cani all'anno in cinque anni. Sputnik ha chiesto più informazioni a Sinogene.

Recentemente la società Sinogene è stata la prima nel paese a clonare un gatto. Un gattino di nome “Aglio” è nato il 21 luglio da una madre surrogata a partire da materiale genetico di un gatto morto.

In un'intervista con Sputnik, Mi Jidong, presidente del consiglio di amministrazione di Sinogene Biotechnology, ha affermato che la crescente domanda di animali clonati in Cina è associata a un boom del mercato degli animali domestici in generale.

“Il mercato degli animali domestici si sta sviluppando molto rapidamente in Cina, ora circa 100 milioni di persone hanno cani e gatti. È questo gruppo di persone a rappresentare la principale domanda di animali clonati. Dopotutto, gli animali vivono con i loro proprietari per molti anni, i proprietari si affezionano a loro e spesso semplicemente non riescono a far fronte alla morte del loro gatto o cane, o se l'animale ha problemi di salute. In realtà, questa grande richiesta è sempre esistita, solo che prima la tecnologia non poteva soddisfarla”, afferma Mi Jidong.

Il costo della clonazione di un animale domestico è di circa 250 mila yuan (~32 mila euro), non tutti i proprietari possono permetterselo.

Un gattino di nome “Aglio” è nato il 21 luglio da una madre surrogata a partire da materiale genetico di un gatto morto.
© Foto : Sinogene Biotechnology
Un gattino di nome “Aglio” è nato il 21 luglio da una madre surrogata a partire da materiale genetico di un gatto morto

"I nostri clienti sono persone che, in primo luogo, hanno animali domestici, in secondo luogo provano un grande affetto per i loro animali domestici, in terzo luogo, hanno la comprensione e la conoscenza necessarie della tecnologia di questo processo e, in quarto luogo, denaro, quindi poiché i nostri prezzi non sono bassi", ha detto Mi.

Secondo Mi Jidong, lo stato di salute e l'aspettativa di vita degli animali clonati non sono diversi da quelli nati naturalmente.

“Sono passati 23 anni da quando il primo animale è stato clonato, Dolly la pecora. Da allora l’uomo ha imparato a clonare gatti, cani e animali più grandi: maiali, bovini. Non ci sono stati praticamente problemi", afferma Mi. 

Tuttavia, secondo Chen Zhengli, professore presso l'Istituto veterinario dell'Università agricola del Sichuan, oltre alla salute e alla longevità degli animali bisogna considerare i loro tratti caratteriali. 

“L'obiettivo della clonazione in sé è positivo, ma si tratta comunque della formazione di una vita completamente nuova. Il clone può vivere di meno, il suo comportamento può differire dall'animale precedente, se il proprietario sarà in grado di accettare questo nuovo animale non è chiaro", ha detto Chen a Sputnik.

Secondo Mi Jidong, fin a ora la compagnia non ha incontrato un solo proprietario che ritenga che il clone sia diverso dal suo animale domestico precedente. Nonostante il fatto che l'aspetto dell'animale possa essere leggermente diverso, le sue caratteristiche interne vengono ereditate dal precedente animale.

Correlati:

Maledetto il giorno che t’ho clonato!
Il cane più piccolo del mondo è stato clonato 49 volte
In Cina clonato il miglior cane poliziotto
Tags:
Tecnologia, clonazione
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik