Widgets Magazine
07:34 15 Settembre 2019

Grecia non aiuterà petroliera iraniana a raggiungere Siria

© AP Photo / Marcos Moreno
Mondo
URL abbreviato
4217
Seguici su

Il vice ministro degli Esteri greco Miltiadis Varvitsiotis ha dichiarato che la Grecia non avrebbe assistito la petroliera iraniana Adrian Darya.

Il vice ministro degli Esteri greco Miltiadis Varvitsiotis ha dichiarato alla rete televisiva locale ANT1 che il suo paese non avrebbe aiutato la petroliera iraniana Adrian Darya, che si sta dirigendo verso il porto di Kalamata nella penisola greca del Peloponneso, come indicato dai dati pubblicati sul sito Web Marine Traffic.

"Vogliamo inviare il messaggio che non siamo disposti a facilitare la rotta di questa nave verso la Siria", ha detto Varvitsiotis secondo quanto riporta Reuters.

Martedì, il ministro greco della marina mercantile Ioannis Plakiotakis ha dichiarato che Atene non aveva ricevuto dalla petroliera iraniana Adrian Darya una richiesta di attraccare in Grecia.

Le autorità portuali di Kalamata non hanno confermato le informazioni pubblicate su Marine Traffic.

La liberazione della petroliera iraniana

Il 15 agosto, le autorità di Gibilterra hanno decretato la liberazione della petroliera iraniana, precedentemente nota come Grace 1. La nave era stata sequestrata il 4 luglio dai Royal Marines britannici con l'accusa di trasporto di petrolio in Siria in violazione delle sanzioni dell'UE.

Nonostante gli Stati Uniti abbiano emesso un mandato per il sequestro della nave e abbiano affermato che era in violazione delle normative internazionali e che trasportava illegalmente petrolio in Siria, le autorità di Gibilterra hanno respinto la richiesta di Washington, citando differenze nelle sanzioni statunitensi ed europee contro l'Iran.

Washington ha definito “una sventura” la decisione di liberare la petroliera iraniana e ha avvertito la Grecia e altri porti del Mediterraneo di non ospitare né aiutare la nave.

Le tensioni tra USA e Iran

Dall'agosto 2018, gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni sempre più rigide agli acquirenti di petrolio iraniano, in linea con la posizione secondo la quale Teheran avrebbe violato il Piano d'azione globale congiunto del 2015 che prevedeva la riduzione di tali sanzioni. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha accusato Teheran di violare l'accordo conducendo segretamente attività per lo sviluppo di un'arma nucleare.

Nell'aprile 2019, Washington ha fatto un ulteriore passo in avanti e ha dichiarato che i pasdaran sono un gruppo terroristico e che quindi il governo iraniano è uno sponsor statale del terrorismo. I funzionari statunitensi ritengono i pasdaran responsabili degli attacchi contro le forze alleate e statunitensi in tutta la regione, dalla Siria all'Iraq e allo Yemen.

Correlati:

Autorità di Gibilterra dissequestrano la petroliera iraniana Grace 1
Gibilterra dice no agli USA e non sequestra la petroliera iraniana Grace 1
USA a Grecia: qualsiasi aiuto a petroliera iraniana è sostegno al terrorismo
Tags:
Petrolio, Ministro degli Esteri, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik