Widgets Magazine
20:10 22 Settembre 2019

Un caso rarissimo: gemello si sviluppa dentro l'addome di una 17enne

© Fotolia / Unlimit3d
Mondo
URL abbreviato
0 81
Seguici su

Ha portato dentro il suo corpo il fratello gemello per 17 anni, finché non è stato estratto con un'operazione chirurgica. Un rarissimo caso di fetus in fetu, il primo in una persona di età adulta.

Il fetus in fetu (FIF) è un fenomeno rarissimo, che si verifica con una frequenza di 1 su 500.000 nascite, mentre esistono solo 200 casi registrati nella letteratura medica. Sinora era stato diagnosticato solo nei bambini piccoli, per lo più di sesso maschile. Sono 7 i casi conosciuti in soggetti con più di 15 anni di età. Questo è il primo caso registrato in una persona di età adulta. 

Si tratta di una anomalia dello sviluppo fetale. Un feto malformato viene "assorbito" dal corpo del fratello, che una volta nato convive con il feto gemello nascosto dentro il suo corpo. Il caso specifico è segnalato in una pubblicazione su BMJ Case Report

Una giovane donna aveva sviluppato all'età di 15 anni un tumore, che "aumentava gradualmente di dimensione". La paziente soffriva di dolori addominali, inappetenza e nonostante le carenze alimentari non diminuiva di peso. Uno tomografia scan addominale ha rivelato che la ragazza presentava nell'addome "una massa ben definita", misurante 25×23×15 cm, composta da tessuto adiposo e formazioni ossee, che si estendeva dall'epigastro alla zona pelvica superiore. Questa massa causava lo spiazzamento e la compressione delle viscere addominali adiacenti.

La diagnosi inequivocabile è stata quella di FIF e la paziente è stata sottoposta a un intervento chirurgico, durante il quale è stato estratto il feto. L'intervento ha avuto successo e dalla giovane è stato estratto un corpicino di 30x16x10 cm, che aveva capelli e "molteplici denti". 

Dopo l'intervento la ragazza ha affermato di stare finalmente bene. "Il mio addome adesso è piatto e anche i miei genitori sono molto felici" - ha detto

Tags:
scienza, Chirurgia, Medicina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik