Widgets Magazine
20:16 22 Settembre 2019
Islanda, Jokulsarlon glacier lagoon

Islanda, funerale per la scomparsa del ghiacciaio Okjokull

© flickr.com/ Moyan Brenn
Mondo
URL abbreviato
364
Seguici su

A causa del riscaldamento globale si è stato dichiarato estinto un ghiacciaio islandese. Scienziati e ambientalisti hanno organizzato un "funerale di protesta".

E' scomparso il ghiacciaio Okjoukull, che appena un secolo fa aveva un'estensione di 16 kmq e uno spessore di 50 m. Nel 2014, con la riduzione dello spessore delle pareti a 15 m, aveva perso lo status di ghiacciaio. Oggi, rimangono delle chiazze di gelo a ricordare il vecchio splendore del gigante ghiacciato.

Ok, così chiamato dalla popolazione, potrebbe essere solo il primo: sono 400 i ghiacciai islandesi che rischiano lo stesso destino. Oltre al valore culturale e identitario per la "terra dei ghiacci", i ghiacciai sono enormi riserve di acqua dolce e la loro estinzione costituisce un'ingente perdita di risorse, essenziali per la vita umana.

Per questa ragione alcuni ambientalisti e scienziati celebreranno il "funerale" di Ok, per denunciare l'assenza di misure idonee a ridurre i gas serra presenti nell'atmosfera. Il 18 agosto saliranno sul monte dove si trovano i resti di Ok e depositeranno una targa, recante il nome del ghiacciao, la data di estinzione, il livello attuale di anidride carbonica, causa lo scioglimento dei ghiacci: 415 parti per milioni.

​Gli scienziati da tempo hanno lanciato l'allarme: da oggi al 2050 la temperatura media della Terra rischia di essere di 3 gradi superiore a quella registrata prima dell'era industriale. L'innalzamento del livello del mare causato dallo scioglimento delle calotte polari in Antartide e Groenlandia e dei ghiacciai di montagna è stiamto mediamente in 0,084 millimetri annui. 

Tags:
Riscaldamento globale, Islanda
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik