Widgets Magazine
11:50 22 Agosto 2019
Ragazza sul tapis roulant

Rischio infarto: come capire quando è in arrivo

© Fotolia / Kanchitdon
Mondo
URL abbreviato
180

Una ricerca condotta negli USA rivela uno dei sintomi di problemi cardiovascolari. Con qualche accorgimento possiamo proteggere la salute da questi rischi.

Uno studio svolto alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora evidenzia che la tendenza a stancarsi facilmente non solo indica l’avanzare dell’età, ma è anche un sintomo precoce di problemi gravi all’apparato cardiovascolare. I risultati dello studio sono stati pubblicati da Medicalxpress.

I ricercatori americani hanno utilizzato una formula per stabilire il rischio di infarto e ictus nei prossimi dieci anni in 625 pazienti la cui età media era di 68 anni.

Per capire quanto facilmente si stancavano i pazienti, si utilizzava un tapis roulant sul quale i volontari dovevano camminare per 5 minuti alla velocità di 2,4 km orari.

Le persone a più alto rischio cardiovascolare segnalavano più spesso di stancarsi velocemente. A lamentarsi di più erano i pazienti con peso eccessivo e alta pressione arteriosa.

“Abbiamo rilevato che uno degli indicatori di alto rischio cardiovascolare è un’alta faticabilità. Quindi bisogna tenere in considerazione che questa condizione può essere legata alla vostra salute cardiovascolare”, ha spiegato la dott.ssa Jennifer Schrack, una degli autori dello studi e docente del dipartimento di epidemiologia alla Johns Hopkins.

Gli esperti hanno consigliato di cominciare al più presto a seguire i consigli dei medici di tutto il mondo. Le raccomandazioni più importanti riguardano un’alimentazione sana e attività fisica moderata svolta con regolarità.

“Seguendo queste norme vi stancherete meno facilmente e ridurrete il rischio di patologie del cuore e dei vasi sanguigni”, hanno aggiunto i ricercatori.

Correlati:

Come ripristinare i tessuti cardiaci dopo l’infarto: ce lo insegna un pesce!
Biologi russi spiegano come difendere le cellule del cuore da infarto e ischemia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik