08:56 16 Dicembre 2019
Caccia multiruolo Su-57

Su-57 vs F-35: chi vincerebbe in uno scontro diretto?

© Sputnik . Alexey Filippov
Mondo
URL abbreviato
Di
2304
Seguici su

Una guida completa al nuovissimo caccia di quinta generazione russo, la cui produzione in serie è finalmente in corso, e un confronto con il suo cugino americano.

In Russia è stata avviata la produzione in serie dei caccia di quinta generazione Su-57. Questo articolo non vi rivelerà qual è il migliore tra il Su-57 e l’F-35 americano in modo assoluto. In compenso capirete perché una domanda del genere di per sé non è molto corretta e scoprirete piuttosto cos’è in grado di fare il Su-57. E cosa succederebbe se dovesse scontrarsi con il suo analogo americano.

Un aereo a lungo atteso

Il 9 gennaio 2010 il pilota russo Sergey Bogdan ha effettuato il primo volo, durato 47 minuti, sul velivolo T-50-1, che è diventato il prototipo del primo caccia russo di quinta generazione, il Su-57. L’avvio della produzione in serie di questi velivoli era previsto per il 2015 e i caccia dovevano essere inseriti nell’Aviazione militare nel 2016, ma la storia ha preso un altro verso.

La costruzione e i test di questo nuovo velivolo non hanno seguito i piani e nel 2018 si è cominciato a sentir parlare persino di una possibile interruzione dell’intero programma. Tuttavia, nel giugno del 2019 è stato sottoscritto un contratto di fornitura di 76 Su-57 a favore dell’Aviazione militare russa e il 29 giugno è stato comunicato l’avvio della produzione in serie del tanto atteso velivolo.

Perché il Su-57 è multiruolo?

Il caccia Su-57 è un velivolo versatile che è in grado di portare a termine in maniera egualmente efficace missioni di conquista della supremazia aerea e missioni di intercettazione di  bersagli di piccole dimensioni, nonché di eseguire missioni di assalto contro obiettivi terrestri. Il velivolo possiede tutte le caratteristiche della quinta generazione: meno visibilità ai radar, visione circolare della centrale radar, possibilità di integrazione in un unico sistema dati delle operazioni terra-aria, estrema manovrabilità e centro comandi di bordo intelligente.

Il caccia multiruolo russo Su-57
© Sputnik . Maksim Blinov
Il caccia multiruolo russo Su-57

Perché il centro comandi è intelligente?

La cabina dei moderni velivoli si sta facendo sempre più futuristica: potente sistema di calcolo che gestisce varie componenti della strumentazione di bordo, display multifunzionali a colori, visualizzazione di informazioni sul parabrezza, puntamento al cenno del pilota, cloche di comando dell’aereo e selezione di varie funzioni con un solo movimento del dito. Tutto questo ha preso il nome di centro comandi intelligente.

Quanto è invisibile ai radar il Su-57?

La rivista China.com ha osservato che la “poca visibilità (…) è un requisito fondamentale per un caccia di quinta generazione e la sua implementazione sul Su-57 è sempre stata messa in discussione ed è diventata una questione spinosa”.

Infatti, la struttura del Su-57 è un compromesso tra forme stealth, materiali contemporanei ei requisiti di buona manovrabilità e di elevate capacità di volo. Nella costruzione del velivolo sono ampiamente impiegati materiali compositi, tecnologie moderne per l’installazione di grandi pannelli e tradizionali rivetti nascosti per operare con i metalli la cui capacità di camuffamento si riduce notevolmente per via dell’applicazione sulla scocca del mezzo di un apposito rivestimento.

© Sputnik . Alexey Kudenko
Il caccia multiruolo russo Su-57

Sul Su-57 è stata risolta una delle cause dell’elevata visibilità ai radar dei moderni velivoli: le onde radar vengono riflesse dalle pale delle turbine dei motori.

La conformazione dei condotti d’aria del Su-57 è così particolare che garantisce una protezione quasi totale dei motori dal rilevamento radar. A livello di cellula quasi totalmente assenti sono gli angoli retti i quali rendono i velivoli tradizionali piuttosto facilmente rilevabili dai radar. Dunque, la visibilità del Su-57 è sensibilmente inferiore anche rispetto a velivoli abbastanza moderni come il Su-35.

Grande manovrabilità del Su-57

I media hanno inoltre segnalato come asso nella manica del Su-57 la sua grande manovrabilità. Va detto che questa caratteristica negli aerei di oggi è resa possibile grazie ad alcune tecniche.

In primo luogo, va menzionata la presenza di una capsula aerodinamica dotata di apposita barra di comando e piano orizzontale di coda. Questi elementi permettono di effettuare manovre in maniera asincrona e, dunque, più efficace: ad esempio, in caso di deriva multipla è possibile che due derive assumano diverse angolazioni e anche diverse direzioni.

In secondo luogo, entrano in gioco motori con spinta vettoriale mutevole. A condizione che la potenza dei motori sia in grado di superare la massa a regime di combattimento del velivolo, abbiamo la possibilità di comandare l’aeromobile in aria come preferiamo: effettuare dei looping, brusche frenate e giravolte impreviste. Tutto questo, qualora non permettesse di riportare la vittoria in un combattimento aereo, ne aumenterebbe quanto meno vertiginosamente le probabilità.

Problemi al motore?

Gli esperti bellici de Gli occhi della Guerra italiani hanno definito i motori del Su-57 il suo vero e proprio tallone d’Achille, riferendosi al motore turbogetto Izdelie-30 che, secondo il portale, non verrà installato sul mezzo fino al 2023-2025.

Il caccia multiruolo russo Su-57
© Sputnik . Alexey Kudenko
Il caccia multiruolo russo Su-57

In effetti sui primi prototipi del Su-57 sono installati motori di precedente generazione. La creazione dell’Izdanie-30 (ovvero di un motore appositamente concepito per questo progetto) ha richiesto molto tempo. Chiaramente, le caratteristiche del Su-57 con il nuovo motore saranno molto migliori. Il fatto, però, è che anche con il motore di adesso il velivolo soddisfa i criteri per rientrare nella quinta generazione e le esigenze della Flotta dell’Aeronautica militare russa.

Panoramica a 360° dalla cabina del velivolo

Per il Su-57 è stato creato l’innovativo sistema radar Sh-121 che comprende diversi radar ad antenna attiva: questi permettono di identificare oggetti con elevata precisione e di elaborare digitalmente le informazioni ottenute.

Oltre ai radar presenti a prua il sistema comprende anche due radar laterali e due sugli alettoni. Tale sistema radar assicura al computer di comando e al pilota una panoramica di fatto a 360°. Le informazioni sui bersagli vengono mostrate anche sullo schermo multifunzionale della cabina del pilota e sugli indicatori presenti sui finestrini laterali del velivolo. Inoltre, possono essere trasmesse ad altri fruitori generici come altri velivoli, quartier generali, missili, forze di terra.

Inoltre, sull’aereo è installato un innovativo sistema di navigazione combinato che coniuga la navigazione GPS a quella GLONASS. Chiaramente, i dati relativi al posizionamento del velivolo in tempo reale vengono utilizzati anche dai sistemi di gestione degli armamenti: ciò è richiesto per l’impiego di certi missili e bombe.

Quali sono gli armamenti presenti sul caccia russo?

Appositamente per il Su-57 sono state e continuano a essere create nuove tipologie di armamenti. Inoltre, sono in fase di ammodernamento missili già messi a punto al fine di essere posizionati nei pod del velivolo. Il collocamento di missili e bombe non all’esterno, ma all’interno del mezzo riduce già da sé in maniera considerevole la percettibilità ai radar dell’aeromobile. Il Su-57 dispone di due tipi di pod interni per gli armamenti: un grande compartimento sotto la fusoliera per i missili di grandi dimensioni a media e lunga gittata ideali contro obiettivi terrestri e aerei, e anche due piccoli compartimenti sotto gli alettoni per missili a corta gittata.

Per condurre missioni strategiche a lunga distanza sono stati ammodernati appositamente per questo velivolo i missili da crociera tattici Kh-59MK2 aria-superficie testati con successo in Siria. Considerato il raggio d’azione del Su-57 questi missili possono danneggiare importanti obiettivi strategici a una distanza di 2000 km dall’aerodromo di base di questi velivoli d’assalto.

Inoltre, per il caccia russo di quinta generazione sono in fase di elaborazione bombe guidate di vari calibri. Al momento vengono testati i missili aria-aria a lunga gittata che rientreranno anche nel futuro arsenale del Su-57.

Su-57 o F-35: qual è meglio?

Mettere a confronto mezzi aeronautici di Paesi diversi è un compito ingrato. Spesso ci si chiede quale sia l’aereo migliore tra il Su-57 e l’F-35. Sia uno sia l’altro sono di quinta generazione, ma dell’F-35 si contano già 400 unità (che sono molte), mentre del Su-57 solo poco più di una decina.

L’SU-57 è più veloce e ha una gittata maggiore. Il raggio d’azione del Su-57 a esaurimento carburante è di 2000 km, la velocità massima di 2,45 Ma, mentre l’F-35 ha 1093 km e 1,6 Ma rispettivamente. Bisogna, però, considerare che si tratta di aeromobili di diversa fascia di peso.

I caccia multiruolo Su-57
© Sputnik . Aleksey Nikolskyi
I caccia multiruolo Su-57

Chiaramente, se il Su-57 si trovasse faccia a faccia con un F-35 in combattimento aereo e si arrivasse a un combattimento ravvicinato, molto probabilmente il Su-57 sarebbe più efficiente poiché è stato concepito come aereo altamente manovrabile per la supremazia aerea.

Ma in una reale situazione di combattimento tutto potrebbe dipendere dalla qualità dell’approvvigionamento di informazioni circa l’operazione militare, dal livello di preparazione degli operatori deputati al rilevamento radar e dal grado di allineamento delle operazioni del velivolo con i sistemi di ottenimento informazioni di un moderno campo di battaglia.

Qui non si può non considerare l’esperienza accumulata dai piloti americani nell’utilizzo di ben 400 unità di F-35.Sì, l’F-35 presenta diversi problemi, ma si tratta di un velivolo impiegato dall’Aeronautica militare di diversi Paesi. In tal senso il Su-57 è ancora indietro.  

Altro che simulatore! In Siria volano i nuovi SU-57 russi
© Sputnik . Ministero della Difesa russo
Da un certo punto di vista si tratta di una posizione vantaggiosa perché il Su-57 può basarsi sull’esperienza e sugli errori di utilizzo di altri velivoli.

Il principale caccia russo fino alla metà del XXI secolo

La costruzione dei 76 velivoli Su-57 è stata avviata presso lo stabilimento di Komsomolsk sull’Amur nell’Estremo Oriente russo e si prevede che per il lancio definitivo serviranno almeno 5-7 anni. I velivoli saranno impiegati da almeno 3 reggimenti dell’Aeronautica militare russa. È lecito pensare che questo mezzo costituirà la principale piattaforma russa di combattimento caccia fino alla metà del XXI secolo.

L'opinione dell'autore può non coincidere con la posizione della redazione.

Correlati:

Russia: iniziata la produzione in serie dei caccia Su-57
Turchia valuta cosa fare con i missili del caccia americano F-35
L’F-35 è come un iPhone rispetto al Su-57 russo - esperto
Tags:
F-35, su-57
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik