Widgets Magazine
11:02 21 Agosto 2019

Zona di Chernobyl, arrestati 17 stalker in un giorno

© Sputnik . Igor Kostin
Mondo
URL abbreviato
112

La polizia ucraina in un giorno ha arrestato 17 stalker nella zona di alienazione della ex centrale nucleare di Chernobyl. Tra gli arrestati anche dei francesi.

“Nelle ultime 24 ore la polizia ha arrestato 17 trasgressori nella zona della centrale nucleare di ChernobylIl primo gruppo è composto da due uomini di 28 e 42 anni ed è stato arrestato nel villaggio evacuato Ljubjanka. I trasgressori sono abitanti delle città di Enakievo (nella regione di Donetsk, ndr) e Nikolaeva. Il secondo gruppo è stato fermato dalle forze dell’ordine nella città evacuata di Pripjat’, ragazzi di 20 anni delle regioni di Dnipropetrovsk e Chernigovsk”, ha comunicato martedì l’ufficio stampa del comando della Polizia nazionale ucraina nella regione di Kiev.

Inoltre, nella zona di Chernobyl-2 è stato arrestato anche un terzo gruppo composto da abitanti di Kiev. Ma non è finita qui.

“Vicino al villaggio di Bychka la polizia ha fermato ancora due gruppi di turisti, tra cui tre cittadini francesi di 19, 20 e 27 anni e la loro guida, un abitante di Kiev di 25 anni. Gli altri sono di Kiev e della regione di Donetsk”, ha aggiunto la polizia.

Le forze dell’ordine hanno reso noto che nei confronti degli stalker sono stati aperti dei fascicoli amministrativi e che i trasgressori rischiano una multa. Inoltre la polizia ha trasmesso i materiali al servizio migrazione per ridurre la durata del soggiorno in Ucraina dei trasgressori stranieri.

Il disastro di Chernobyl

Il disastro di Chernobyl, considerato uno dei peggiori incidenti nucleari della storia, si è verificato il 26 aprile 1986, quando è esploso il quarto blocco energetico della centrale nucleare. Hanno sofferto per la contaminazione radioattiva 8,4 milioni di persone tra Bielorussia, Ucraina e Russia, mentre oltre 400 mila persone sono state costrette a lasciare le loro case per gli alti livelli di radioattività.

La superficie interessata dall’inquinamento radioattivo in Bielorussia è di 46,5 mila km2 (il 23% della superficie totale del paese), in Ucraina di 50 mila km2. In Russia sono 19 le regioni colpite per un territorio di quasi 60 mila km2 e una popolazione interessata di 2,6 milioni di persone.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik