01:46 14 Novembre 2019

Negli Usa una donna ubriaca ruba un’auto elettrica Tesla con la batteria scarica

© AP Photo / Paul Sakuma
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

La polizia dello stato americano di Arizona ha fermato una donna sotto l’effetto dell’alcol che ha tentato di allontanarsi dalle forze dell’ordine sul veicolo elettrico Tesla Model S con la batteria scarica.

L’incidente è avvenuto il 4 agosto scorso, quando gli agenti della polizia hanno ricevuto la segnalazione di un furto di un’automobile elettrica dal parcheggio del centro commerciale Bashas’ in una cittadina dello stato di Arizona, negli Usa. Lo ha riferito il giornale locale Paysonroundup.

Le forze dell’ordine sono riuscite a rintracciare rapidamente la posizione dell'auto utilizzando un servizio speciale e hanno diramato l'allerta per intercettare la vettura a tutte le unità.

La malvivente, dopo aver notato di essere inseguita ha deciso di scappare dalle macchine della polizia, ma non ha fatto i conti con la durata della batteria dell'auto che aveva rubato.

Com'è emerso dopo il fermo, la donna al momento del furto era in stato d’ebbrezza e non ha preso in considerazione le pecularità delle auto elettriche. Dopo pochi minuti dall'inizio dell’inseguimento la batteria della Tesla Model S si è scaricata completamente e il veicolo si è fermato in mezzo alla strada.

Alle richieste di arrendersi la dirottatrice ha risposto con il rifiuto netto e si è rinchiusa dentro la macchina. A quel punto i poliziotti hanno rotto il vetro della vettura per arrestare la donna.

L'autrice del gesto è risultata essere la Kathy Sain, già nota alle forze dell’ordine dalle precedenti accuse di spaccio di stupefacenti: dopo l'arresto è stata accusata di furto, oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento e guida in stato d'ebbrezza.

Correlati:

Tesla ha soldi solo per altri 10 mesi
Tesla rivoluziona il mercato delle automobili in Norvegia
Elon Musk identifica i nemici di Tesla: le compagnie petrolifere
Tags:
Furto, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik