Widgets Magazine
19:39 22 Agosto 2019
Santiago de Chile

Sparatoria a Santiago del Cile, almeno 5 morti in un negozio

CC BY 2.0 / Gonzalo Baeza / Panorámica de Santiago
Mondo
URL abbreviato
0 22

Dopo i fatti di Dayton e El Paso, un'altra strage in uno dei paesi più "occidentali" dell'America Latina. A Santiago del Cile un uomo entra in un negozio di una zona popolare e spara, uccidendo almeno cinque persone.

Era un piccolo negozio di alimentari, che ospitava qualche slot machine, situato nel quartiere Carol Urzua, a Puente Alto, uno dei tanti, popolosi ghetti della periferia nordest di Santiago. Durante la notte, per ragioni ancora ignote agli investigatori, un uomo è entrato dentro il locale e ha cominciato a sparare sugli avventori, lasciando a terra cinque corpi, scrivono i media locali. 

Secondo alcune testimonianze un alterco fuori dal locale avrebbe preceduto la strage. Sembra accertato, sia dai testimoni che dalle telecamere di sorveglianza, che sia stata solo una persona a sparare. Anche se gli inquirenti non escludono il coinvolgimento di terzi. I slot machine, ma allo stato attuale non è stata individuata l'arma. 

Quello che gli investigatori hanno realizzato è che si tratta di un'arma modificata con un caricatore che ha  una maggiore capacità, "un caricatore speciale che permette l'utilizzo di molte più munizioni di uno normale", dice il procuratore Hector Barros. Il che lascia pensare ad un'arma d'assalto, forse una mini uzi. 

L'assassino ha fatto irruzione nel negozio, sorprendendo gli avventori mentre giocavano alle slot machine. Due delle vittime sono morte sul colpo, mentre tre sono deceduti in ospedale, mentre ricevevano soccorsi. Tra le vittime una donna e un giovane di 18 anni. Una delle piste seguite dalla polizia investigativa è quella della vendetta. Si indaga su l'incendio di una abitazione, avvenuto nei pressi del locale, che potrebbe in qualche modo essere in relazione con la vicenda. Ma per il momento tutte le ipotesi restano aperte. 

Tags:
strage, sparatoria, Cile
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik