01:46 14 Novembre 2019
Il logo dei Giochi Olimpici

'Giochi pericolosi', le Olimpiadi di Tokyo 2020 iniziano tra le polemiche

© Sputnik . Igor Zarembo
Mondo
URL abbreviato
148
Seguici su

Lapsus froidiano, ingenua dimenticanza o vera e propria provocazione? Certo che l’idea di pubblicare la mappa del Giappone sul sito ufficiale delle Olimpiadi con le isole contese delle Curili sotto la prefettura di Hokkaido a molti deve essere sembrato quantomeno... Poco ‘sportivo’.

Uno dei membri più noti del Consiglio Federale, Aleksey Pushkov ha dichiarato:

“Tokyo dovrebbe abbandonare questo tipo di provocazioni. Il significato dei giochi olimpici dovrebbe essere quello di una vacanza all’insegna dello sport e della pace, non un’occasione per accuire le tensioni”.

Kunashir, Shikotan, Iturup e Habomai - la presenza delle quattro isole Curili russe ma contese dal Giappone rappresentate sul sito delle Olimpiadi sotto la prefettura di Hokkaido come fossero a tutti gli effetti giapponesi, non poteva certo passare inosservata alla diplomazia russa.

Anche il Sindaco della circoscrizione delle Curili meridionali, Vyacheslav Vlasenko, non l’ha presa benissimo:

“Questo è un altro esempio di azioni illegali da parte del Giappone. Queste isole sono russe e solo russe. È triste che la politica interferisca nello sport. Trovo tutto ciò molto scorretto alla vigilia di un evento sportivo tanto importante che avviene solo una volta ogni 4 anni”.

La questione delle isole Curili

Il contenzioso sull’intero arcipelago delle Curili tra Russia e Giappone va avanti già dall’800 ma la fine della Seconda Guerra Mondiale sembrava aver concluso la disputa. La Russia aveva occupato le isole del sud con un’azione non unilaterale ma concordata con gli alleati dopo l’incontro di Yalta del 1945. Nel 1951 il Trattato di San Francisco avrebbe dovuto formalizzare il possesso delle isole ma l’URSS si rifiutò di firmarlo per una serie di motivi ancora allo studio degli storici e non del tutto chiariti. Di fatto Unione Sovietica, quindi Russia adesso, e Giappone, non hanno ancora un vero e proprio trattato di pace dopo la Guerra Mondiale ed entrambe le posizioni sulle isole contese sembrano inconciliabili: da una parte il Giappone sostiene che le isole siano sue e occupate illegalmente dalla Russia, dall’altra la Russia le possiede a tutti gli effetti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik