17:15 14 Dicembre 2019
Kirghizistan, locazione schematicaPresidente del Kirghizistan Almazbek Atambayev

Cosa sta succedendo in Kirghizistan?

© Foto : Common free © AFP 2019 / Vyacheslav Oseledko
1 / 2
Mondo
URL abbreviato
3331
Seguici su

Ieri sera la notizia di un blitz delle forze speciali kirghize per arrestare l’ex Presidente Almazbek Atambayev accusato di corruzione. Ma Atambayev oppone resistenza.

Alcuni giornali postavano addirittura delle foto del presunto arresto. Oggi sono le stesse forze speciali che ammettono che il blitz è fallito e affermano che Almazbek sta opponendo resistenza armata.

Sarà l’inizio di nuovi disordini nello stato centro-asiatico, già nel recente passato sottoposto a conflitti interni? Ma sopratutto - come facevano ieri giornali come ‘Il Messaggero’ a pubblicare addirittura la foto dell’ex presidente mentre veniva portato via di peso e l’ANSA a dare per certa la notizia che fosse stato arrestato e portato via in elicottero?

C’è un po’ di confusione ma questa mattina paiono chiare almeno due cose: il blitz dei corpi speciali per arrestare Almazbek Atambayev ieri c’è stato; il blitz è fallito, ancora in corso, o rimandato, perchè l’ex presidente ed i suoi sostenitori hanno opposto resistenza.

Nello specifico, sono gli stessi corpi speciali kirghizi a spiegare la loro versione dei fatti. Secondo quanto dichiarato dal Comitato di Stato per la Sicurezza Nazionale del Kirghizistan questa mattina, i sostenitori dell’ex presidente Almazbek Atambayev avrebbero usato donne e bambini come scudi umani per impedire l’assalto nonchè, mentre le forze dell’ordine usavano solo proiettili di gomma e attrezzature speciali, i riottosi rispondevano con proiettili veri.

Di tutt’altro avviso le fonti vicine all’ex presidente che sostengono invece che la resistenza sia stata sostenuta solo con fionde e cercando al contrario di difendere donne e bambini.

Sta di fatto che si contano a decine i feriti da arma da fuoco da parte del commando. Si parla anche di un agente morto, e un giornalista locale ferito. Non sono chiare le perdite o i feriti dalla parte dei sostenitori di Atambayev che, ricordiamo, non è più presidente ma è ancora il capo del più grande partito di opposizione nel Paese (i Socialdemocratici).

Da più parti stanno giungendo inviti alla prudenza al fine di evitare ulteriori tensioni e spargimenti di sangue nel Paese. Lo stesso Presidente della Federazione russa, Vladimir Putin, questa mattina ai microfoni di una emittente internazionale russa, su esplicita domanda dell’intervistatore, si era espresso in questo senso. Dall’altro canto la stessa emittente ha poi anche pubblicato il video appello proprio di Atambayev, in cui, dopo il tentativo delle forze speciali, egli si rivolge direttamente al popolo kirghizo per fornirgli la sua versione dei fatti.

Kirghizistan, terra inquieta

Terra di confine e di popoli differenti, il piccolo Kirghizistan è sempre stato soggetto a tensioni etniche, anche in epoca recente. Alla cosiddetta ‘Rivoluzione dei Tulipani’ del 2005 che non portò alcun miglioramento né economico né politico, replicarono i moti di piazza del 2010 e gravi violenze nella città di Osh in cui, alle incertezze politiche, si sommarono le rivalità etniche tra kirghizi e minoranza uzbeka. Almazbek Sharshenovich Atambayev, eletto il 17 dicembre 2010 era rimasto in carica fino al 2017 quando, sommerso da critiche e scandali, aveva ceduto il potere al suo Primo Ministro Sooronbai Jeenbekov, attuale Capo del Paese.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik