00:49 10 Dicembre 2019
Il Congresso USA

Congresso: vuole forzare Trump a imporre sanzioni a Turchia per gli S-400

© flickr.com / Stephen Melkisethian
Mondo
URL abbreviato
224
Seguici su

Il presidente USA aveva affermato che la Casa Bianca sta ancora "esaminando" la possibilità d'imporre sanzioni contro la Turchia per l'acquisto dei sistemi missilistici russi S-400.

Repubblicani e democratici nel Congresso degli Stati Uniti hanno in programma di costringere il presidente Donald Trump a imporre sanzioni alla Turchia se non riuscirà a "delineare presto" delle “punizioni” per Ankara per aver acquistato i sistemi missilitici S-400 della Russia, secondo il Washington Post.

"Dovremmo approvare una legge che cancella qualsiasi tipo di rinuncia alla sicurezza nazionale; cosa che cercheremo di non fare perché vogliamo dare ai presidenti quella flessibilità. Ma se verrà abusata, dovremo agire, immagino", ha dichiarato il senatore Marco Rubio al quotidiano.

Gli ha fatto eco la senatrice democratica Jeanne Shaheen, che ha chiesto l'introduzione di "sanzioni a più livelli" che stabiliscono che la Turchia dovrà affrontare ripercussioni graduali per l'attuazione dell'accordo S-400.

Shaheen ha affermato che potrebbe lasciare a Trump "qualche capacità di continuare a negoziare" con Ankara e "incoraggiarli a rimanere nella NATO".

Il senatore repubblicano James Lankford, a sua volta, ha sottolineato che il Congresso vuole chiarire che "si applichino delle sanzioni" e che "se un altro paese vuole uscire allo scoperto e acquistare sistemi russi, subiranno la stessa risposta dagli Stati Uniti".

Il repubblicano Lindsey Graham ha insistito sul fatto che "la cosa migliore da fare per la Turchia è collegare le nostre economie, non lasciare che l'S-400 definisca la nostra relazione", aggiungendo: "stiamo cercando di evitare le sanzioni se possibile".

Le possibili sanzioni alla Turchia

Il presidente americano ha dichiarato in precedenza che la Turchia sarebbe stata esclusa dal programma F-35. La partecipazione del paese al programma sarà completata nel marzo 2020.

Trump continua a valutare se far applicare la legge, che prevede l'introduzione di sanzioni contro le società che intrattengono rapporti commerciali con società militari-industriali russe. Secondo alcuni rapporti, in una recente riunione a porte chiuse con senatori repubblicani, il presidente ha ammesso di non voler punire la Turchia.

Il programma F-35

In precedenza la Casa Bianca ha dichiarato che la decisione della Turchia di acquistare sistemi di difesa aerea russi S-400 "rende impossibile il suo continuo coinvolgimento con il progetto F-35".

Nel frattempo, il Presidente Trump ha rilasciato dichiarazioni contraddittorie sull'intenzione degli Stati Uniti di punire Ankara per l'acquisto di sistemi di fabbricazione russa, senza fornire risposte chiare su come l'amministrazione statunitense intenda punire Ankara per l'acquisto di armamenti.

La controversia sugli S-400

Mosca e Ankara hanno firmato un contratto da 2,5 miliardi di dollari per la fornitura dei sistemi missilistici russi S-400 nel dicembre 2017. La cooperazione della Turchia con la Russia in materia è stata fortemente contrastata dagli Stati Uniti e dalla NATO, che hanno citato preoccupazioni sull'incompatibilità dell'S-400 con i sistemi di difesa aerea della NATO.

Correlati:

Erdogan annuncia operazione militare turca in Siria
Esperto turco: gli S-400 aiuteranno la Turchia a evitare "l'occupazione della NATO"
Turchia valuta cosa fare con i missili del caccia americano F-35
Tags:
Turchia, Donald Trump
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik