Widgets Magazine
16:17 24 Agosto 2019
Tisha b'Av: People Get Ready!

Organizzazione israeliana pubblica video appello per ricostruire il Terzo Tempio

© Foto: YouTube/The Temple Institute
Mondo
URL abbreviato
6216

Gli autori del video non sono i soli a voler costruire il Terzo Tempio...

Il mese scorso un importante teologo israeliano ha sostenuto che non c'è mai stata alcuna decisione religiosa che avrebbe imposto agli ebrei di aspettare che il Tempio "cadesse dal cielo".

Il Temple Institute, un'organizzazione israeliana che si batte per la costruzione del Terzo Tempio, ha recentemente pubblicato un nuovo video nel tentativo di promuovere il suo progetto.

Il video, caricato su YouTube il 4 agosto e intitolato "People Get Ready!", presenta un frammento del Libro di Isaia riguardo alla costruzione profetizzata di quel luogo sacro: "alla fine dei giorni il monte del tempio del Signore sarà eretto sulla cima dei monti e sarà più alto dei colli; ad esso affluiranno tutte le genti."

Secondo Breaking News Israel, il video è stato diffuso in vista dell'imminente Tisha b'Av, il giorno di digiuno e lutto che ricorre ogni anno nell'ebraismo quando i fedeli piangono la distruzione sia del Primo Tempio che del Secondo Tempio, con lo scopo di "trasformare il tradizionale periodo di lutto in un momento di preparazione per la ricostruzione del Terzo Tempio Santo".

Il video viene dopo che il rabbino Avigdor Nebenzahl, un importante teologo israeliano ed ex rabbino capo della Città Vecchia di Gerusalemme, ha chiesto la costruzione del Terzo Tempio, sostenendo che non c'era mai stata alcuna decisione religiosa che avrebbe detto agli ebrei di aspettare affinché il Tempio "cada dal cielo".

Mentre la maggior parte degli studiosi ebrei-ortodossi credono che il Terzo Tempio sarà ricostruito dal Messia ebraico, alcune organizzazioni religiose chiedono la costruzione immediata del Tempio; alcuni credono anche che la ricostruzione del Tempio possa preannunciare la fine del mondo.

Tags:
Società, Religione, ebrei, Israele
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik