Widgets Magazine
06:30 26 Agosto 2019

Trump blocca proprietà venezuelane negli USA – dura reazione della Russia

© Sputnik . Stringer
Mondo
URL abbreviato
7640

È entrato effettivamente in vigore ieri il decreto firmato da Donald Trump che ordina il bocco di ogni proprietà del Governo venezuelano negli Stati Uniti. Durissime le rieazioni della Duma di Stato russa.

Il decreto firmato da Trump è ora in vigore a tutti gli effetti e parla chiaro:

“Al fine di adottare ulteriori misure capaci di far fronte allo stato di emergenza e alla luce dalla continua usurpazione del potere da parte di Nicolas Maduro e dei suoi alleati, si ordina che tutti i beni e gli interessi di proprietà governativa venezuelana situati negli Stati Uniti o che cadano in secondo momento nel territorio degli Stati Uniti o sotto il controllo di persona americana, vengano confiscati e non possano essere trasferiti, liquidati, esportati, o altrimenti trattati”.

Chiara anche la reazione della Duma di Stato della Federazione russa che si è espressa oggi tramite il Presidente della Commissione per gli affari internazionali Leonid Slutsky:

“Il decreto di Trump che blocca le proprietà delle autorità venezuelane negli Stati Uniti è puro banditismo. Washington agisce come un partner estremamente inaffidabile che, sotto pretesti inverosimili, è impegnato in una rapina vera e propria. Tali azioni sono palesemente contrarie al diritto internazionale".

Lo stesso Slutsky ha poi rincarato la dose affermando:

“Nicolas Maduro rimane l'unico presidente legittimo e legalmente eletto. Qualsiasi cambiamento di potere in un qualsiasi Paese dovrebbe essere condotto in maniera civile e attraverso regolari elezioni. Qualsiasi discorso sulla violazione della democrazia e l'usurpazione del potere sullo sfondo di passi reali per peggiorare la situazione della popolazione venezuelana non è altro che cinismo e manifestazione di egemonia da parte degli Stati Uniti".

Tags:
Donald Trump, Venezia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik