Widgets Magazine
12:04 24 Agosto 2019
	 Robert Sullivan UK F-35B Lightning II

Turchia valuta cosa fare con i missili del caccia americano F-35

CC0
Mondo
URL abbreviato
391

Potrebbe venderli o riadattarli per essere utilizzati su un aereo militare di produzione turca.

I commenti del ministro dell'industria e della tecnologia turco sono arrivati ​​dopo due anni di tensioni tra Ankara e Washington sugli acquisti dei sistemi di difesa antimissile S-400 di produzione russa, ai quali gli USA si sono fortemente opposti.

I missili aria-terra progettati per l'aereo da caccia F-35 potrebbero essere adoperati sugli aerei da combattimento nazionali e i veicoli aerei senza pilota (UAV) della Turchia, ha dichiarato il ministro dell'Industria e della Tecnologia Mustafa Varank durante un briefing con la stampa alla 22esima edizione del National Sky Observation Festival tenutosi ad Antalya.

Ha osservato che nel caso in cui i paesi del programma F-35 desiderino acquistare questo tipo di missile da crociera, "potremo facilmente vendere questi missili anche se saremo fuori programma". Varank ha specificato che il loro missile da crociera SOM-J prodotto localmente può anche essere integrato con gli UAV Akıncı progettati da una società turca, Baykar. Ha aggiunto che l'obiettivo finale dell'UAV sarebbe la produzione di aerei da combattimento senza pilota.

"Questo è il futuro degli UAV. Credo che Akıncı avrà un enorme effetto moltiplicatore nel nostro settore della difesa", ha riassunto.

Il programma F-35

In precedenza la Casa Bianca ha dichiarato che la decisione della Turchia di acquistare sistemi di difesa aerea russi S-400 "rende impossibile il suo continuo coinvolgimento con il progetto F-35".

Nel frattempo, il Presidente Trump ha rilasciato dichiarazioni contraddittorie sull'intenzione degli Stati Uniti di punire Ankara per l'acquisto di sistemi di fabbricazione russa, senza fornire risposte chiare su come l'amministrazione statunitense intenda punire Ankara per l'acquisto di armamenti.

La controversia sugli S-400

Mosca e Ankara hanno firmato un contratto da 2,5 miliardi di dollari per la fornitura dei sistemi missilistici russi S-400 nel dicembre 2017. La cooperazione della Turchia con la Russia in materia è stata fortemente contrastata dagli Stati Uniti e dalla NATO, che hanno citato preoccupazioni sull'incompatibilità dell'S-400 con i sistemi di difesa aerea della NATO.

Le possibili sanzioni alla Turchia

Nel frattempo, pochi giorni fa, il presidente americano aveva annunciato che la Turchia sarebbe stata esclusa dal programma F-35. La partecipazione del paese al programma sarà completata nel marzo 2020.

Trump continua anche a valutare se far applicare la legge, che prevede l'introduzione di sanzioni contro le società che intrattengono rapporti commerciali con società militari-industriali russe. Secondo alcuni rapporti, in una recente riunione a porte chiuse con senatori repubblicani, il presidente ha ammesso di non voler punire la Turchia, secondo Hürriyet Daily News.

A.N.

Correlati:

L’F-35 è come un iPhone rispetto al Su-57 russo - esperto
L' F-35 non va in Turchia
Esclusione Turchia da programma F-35 è una politica atta a punire le azioni “sovrane” - Mosca
Tags:
Lockheed Martin F-35A, F-35
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik