Widgets Magazine
04:32 24 Agosto 2019

Usa, poliziotto aggredito da un cane spara ed uccide una donna – Video

© Foto: Screenshot WFAA/Youtube
Mondo
URL abbreviato
518

Un agente di polizia di Arlington, città dello Stato del Texas, nel tentativo di calmare un cane ha colpito ed ucciso una donna, probabilmente la padrona dell'animale. La scena è stata ripresa dalla bodycam installata sull’uniforme del poliziotto.

A quanto si apprende dalle notizie diffuse dal canale CBS Dallas l'incidente è avvenuto giovedi sera.

Una pattuglia di poliziotti ha risposto alla richiesta d'intervento in un giardino dove una donna giaceva svenuta sull'erba.

Giunto sul posto, un agente si è avvicinato alla donna, chiedendole ad alta voce come si sentisse. In quel momento è corso verso di lui abbaiando aggressivamente un cane di razza pitbull terrier.

L'agente indietreggiando ha impugnato la pistola di servizio ed ha sparato alcuni colpi verso il cane, che hanno però colpito la donna.

"Dopo gli spari la donna ha urlato ed è apparso chiaro che fosse stata ferita" - si legge in un comunicato emesso dalla polizia.

La donna, identificata come Margarita Victoria Brook di 30 anni, è stata subito portata in ospedale, dove i medici hanno constatato la sua morte.

Al momento una commissione speciale sta studiando tutte le circostanze dell'incidente e l’agente è stato temporaneamente sospeso dal servizio.

Secondo i dati che vengono raccolti dal quotidiano statunitense Washington Post, a partire dall’inizio del 2019 al 30 luglio 519 persone sono state uccise dalle forze dell’ordine.

Negli Stati Uniti gli agenti di polizia spesso ricorrono alle armi per la legittima difesa, tuttavia se l’arma di servizio è stata utilizzata senza valdio motivo, l’agente può essere sottoposto ad un procedimento penale.

Correlati:

In Cina clonato il miglior cane poliziotto
Aggredisce i poliziotti e viene rilasciato dal giudice, proteste degli agenti
Scontri con manifestanti in Israele, 111 poliziotti feriti
Tags:
Omicidio, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik