Widgets Magazine
11:32 24 Agosto 2019

Uomo sopravvive ad un arresto cardiaco e racconta che cos'ha visto nell'aldilà

© Foto : Pixabay
Mondo
URL abbreviato
8262

Un uomo americano ha raccontato dell’incontro con Gesù dopo un arresto cardiaco ed ha descritto cosa ha vissuto in quei momenti: una situazione di pace dalla quale non voleva tornare.

Un uomo, presentatosi con il nome di Douglas su un sito dedicato alle esperienze pre-morte, ha raccontato che a 17 anni soffriva di insonnia e ogni tanto riccorreva all’alcol. Una volta i dottori gli hanno prescritto dei potenti farmaci non compatibili con l’alcol, che lui ha però assunto insieme a bevande alcoliche. Questo cocktail improvvisato lo ha portato all’arresto cardiaco, ma per sua fortuna il cuore ha smesso di battere solo per qualche minuto ed il personale medico è riuscito a rianimare il giovane.

Douglas ha raccontato che dopo esser crollato a terra si è sentito “dall’altra parte” dove ha incontrato Gesù. In quei momenti il ragazzo ha dichiarato di aver “visto tutta la sua vita passare davanti agli occhi. Il bene e il male”.

“Poi ho visto un tunnel luminoso, più luminoso del Sole che mi spingeva verso di esso. Alla fine del tunnel c'era una luce brillante e potevo vedere il mio corpo sul pavimento”, ha detto. Inoltre, il ragazzo ha sentito una tale pace interiore che non aveva mai provato.

L’uomo ha dichiarato che dopo aver raggiunto la fine del tunnel ha incontrato Gesù Cristo. Il figlio di Dio ha detto a Douglas che “se voleva entrare qui (nel paradiso, ndr) doveva cambiare la sua vita", a che il ragazzo diciasettenne ha risposto che non voleva andarsene da lì, perchè si sentiva "molto tranquillo".

Gesù ha detto a Douglas che la sua ora “non era ancora arrivata” e gli ha chiesto di raccontare di lui alla gente. Dopo l’accaduto, spiega, è tornato nel suo corpo.

Douglas ha aggiunto che dopo quest'esperienza è diventato una persona profondamente religiosa. Il suo non è l'unico caso del genere: sul sito della "Near Death Experience Research Foundation" trovano spazio migliaia di racconti simili. Secondo alcuni studiosi, queste visioni non sono un segno di percezione della vita dell'aldilà, ma una tecnica di sopravvivenza usata dal cervello.

Correlati:

Impiegato si rifiuta di toccare bottiglie con alcol, licenziato
Alcolici: trovati rischi inaspettati
Tempi di vacanze, ma attenti ai voli lunghi: gli avvertimenti degli scienziati
Pasta di sera: non fa male, anzi. Combatte insonnia e non ingrassa
Tags:
Medicina, Morte, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik