Widgets Magazine
11:51 22 Agosto 2019

Stella mostruosa si allontana dal centro della Via Lattea

© Foto: ESA
Mondo
URL abbreviato
0 115

Gli astronomi hanno trovato una nuova stella di sequenza principale che rappresenta la più veloce di questa categoria.

Secondo quanto riportato da Science Alert, la stella si sta allontanando dal centro della nostra galassia a una velocità “mostruosa”: 1700 km al secondo.

Gli scienziati sono certi che la stella, denominata S5-HVS1, è stata gettata dal nucleo della Via Lattea per via del buco nero supermassiccio Sagittarius A*. Secondo le stime, la stella avrebbe 500 milioni di anni e avrebbe un’aspettativa di vita di un miliardo di anni.

La S5-HVS1 appartiene alle stelle di spettro A secondo la classificazione stellare, quindi è di colore bianco e raggiunge temperature di 7500-10000 gradi Kelvin. Le dimensioni della stella superano di 2,35 volte quelle del Sole.

Secondo le statistiche le stelle di sequenza principale veloci o iperveloci sono molto rare, generalmente hanno spettro O (colore azzurro) o B (bianco-azzurro) e vivono al massimo qualche decina di milioni di anni. Più frequentemente si trovano stelle iperveloci di neutroni, rimaste dopo l’esplosione di una supernova. Per esempio la RX J0822-4300 si muove con una velocità di più di 1500 km al secondo. Nel 2018 gli astronomi hanno trovato delle nane bianche che in un secondo percorrevano 2200 km.

Nel caso delle stelle di neutroni e delle nane bianche l’alta velocità è raggiunta grazie all’esplosione asimmetrica che si verifica quando la stella diventa una supernova di tipo II o Ia.

Ma le stelle di sequenza principale ricevono energia trovandosi in un sistema di tre corpi con un buco nero. La posizione della S5-HVS1, lontana 29 mila anni luce dal Sole, e la sua velocità indicano che la stella è stata “gettata” dal centro della galassia circa 4,8 milioni di anni fa.

Correlati:

Una curiosità riguardo all’Apollo-11
Le Monde: gli astronauti hanno difficoltà ad adattarsi alla vita sulla Terra
Video: 50 anni dall'allunaggio, ma la Luna si oscura
Tags:
Astronomia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik