Widgets Magazine
15:58 24 Agosto 2019

Dopo gli F-16 la Bulgaria teme di ricevere armi nucleari USA

© AFP 2019 / Getty Images/Christian Petersen
Mondo
URL abbreviato
106

Non si placa in Bulgaria la polemica politica sull'acquisto degli F-16 americani. L'opposizione ora teme che questo sia solo il primo passo verso la dislocazione nel paese di armi nucleari statunitensi.

Il leader del partito Alternativa per la Rinascita Bulgara Rumen Petkov ha commentato in maniera aspra la questione che riguarda l’acquisto dei caccia americani. Secondo il capo del partito di opposizione, il Governo insieme al Parlamento, acquistando gli F-16, ha dimostrato che il Paese è disposto ad ospitare anche armi nucleari.

“Questi sono aerei capaci di trasportare a bordo testate nucleari. Noi stiamo facendo il primo passo con cui dimostriamo che siamo disposti a posizionare armi nucleari in Bulgaria”, cita le dichiarazioni di Petkov l’agenzia bulgara Focus.

Il politico ha anche commentato l'annullamento del trattato INF. Secondo lui, "l'incapacità dell'UE, della Commissione europea e della NATO di garantire il dialogo è una preoccupazione".

“Oggi abbiamo assistito alla sospensione del trattato INF, da cui gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente, il che prima di tutto fa sorgere la questione della sicurezza dell’Europa. Noi ci troviamo nel mezzo tra Mosca e Washington e quando l’accordo vedrà la sua fine, dobbiamo renderci conto che entrambe le forze potranno difendere i propri interessi nel caso di una escalation in Europa e noi ne saremo le vittime”, ha affermato Petkov.

Nel mese di luglio, Rumen Petkov aveva defenito gli F-16 come “costosissimi aspirapolveri”.


Approfondimento: la mappa delle armi nucleari USA in Europa 


La Bulgaria ha acquistato dagli USA otto caccia F-16, quattro dei quali verranno consegnati nel 2023 ed i restanti nel 2014. La decisione ha causato una disputa tra il presidente ed il parlamento della Bulgaria: il parlamento aveva approvato l'acquisto, ma successivamente il presidente Ruman Radev aveva posto il veto sul voto, appellandosi alla "mancanza di consenso nazionale". Il parlamento ha quindi ridiscusso la questione ed in una nuova seduta il  Il 26 luglio ha approvato una seconda volta l'acquisto degli aerei americani per un importo di 1,26 miliardi di dollari.

Oggi è stato riportato che il Trattato sulla liquidazione dei missili a medio e corto raggio (INF) è stato ufficialmente sospeso. Gli Stati Uniti hanno annunciato l’uscita unilaterale dal Trattato INF dopo numerose accuse di presunte violazione da parte della Russia.

Correlati:

Bulgaria: non è solo colpa degli F-16
Pentagono monitorerà F-16 pakistani dopo affermazioni dell'India su loro uso improprio
Gli USA sbloccano 800 milioni di dollari per 14 F-16 alla Slovacchia
Tags:
Armi nucleari, F-16, Bulgaria, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik