Widgets Magazine
07:50 26 Agosto 2019
Cintura di fuoco

Dal Cile alle Filippine: Terremoti progressivi dal 6.0 al 6.6 intorno alla cintura di fuoco

© Foto: USGS [Public domain]
Mondo
URL abbreviato
Al Tro
281

6.0 Filippine, 6.1 Giappone, 6.4 Vanuatu e ieri addirittura 6.6 in Cile – in una settimana pare essersi mossa l’intera placca del Pacifico, quella che gli studiosi chiamano ‘la cintura di fuoco’.

Avevano iniziato le Filippine con un terremoto del 6.0 sabato scorso, 27 luglio, localizzato tra il nord dell’arcipelago e Taiwan. Ipocentro a 10 km di profondità nel mare.

Il giorno stesso (ref. ora italiana) ma 19 ore dopo si era avuto un 6.1 in mare a poche centinaia di chilometri a sud di Nagoya e Tokyo in Giappone ma per fortuna ad una profondità molto elevata (372 km).

Il 31 luglio era toccato all’isola di Vanuatu che si trova in pieno Oceano Pacifico ma anch'essa lungo la frattura della cintura. Magnitudo questa volta 6.4 a 184 km di profondità.

Poche ore fa è arrivata la notizia del magnitudo 6.6 nell’Oceano ma a pochi chilometri dalla capitale Santiago in Cile e a soli 20 km di profondità.

Le caratteristiche di questo ultimo terremoto sono tali da destare serie preoccupazioni. Le radio locali riferiscono che è stato avvertito chiaramente oltre che nella regione della capitale anche in quelle di Valparaíso, O'Higgins, Maule, Ñuble, Bío Bío, La Araucanía e Los Ríos.

Ricordiamo che, secondo la scala Richter, una magnitudo di 6.0 corrisponde già alla potenza scatenata dalla bomba atomica sganciata su Hiroshima, mentre un 6.6 corrisponda alla potenza di almeno 6 bombe atomiche di tale potenza. Secondo le statistiche si contano solo 18 eventi intorno al 7.0 in un anno sull’intero pianeta.

Geologhi, vulcanologi e sismologi non ritengono che questi eventi siano direttamente collegati tra loro. Il fatto che si siano verificati in sequenza temporale, progressiva e quasi in senso orario è tuttavia quantomeno curioso.

Seguiranno aggiornamenti nel caso dovessero arrivarci ulteriori particolari o notizie di danni gravi a cose o persone.

Materiale pubblicato sui social da una emittente locale.
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik