Widgets Magazine
11:57 24 Agosto 2019
Lexie Alford, la persona più giovane al mondo ad aver visitato tutti i paesi

Mollo tutto, ma dove vado? I 10 paesi al mondo preferiti dagli expat

© Foto: Instagram/lexielimitless
Mondo
URL abbreviato
5149

Mollo tutto e mi trasferisco! Si, ma dove? Secondo un'indagine condotta da HSBC non serve spostarsi tanto lontano dall'Italia: è la Svizzera il paese che offre le condizioni di vita e lavoro migliori per gli expat.

Un pensiero che almeno una volta è passato a tutti per la testa. Mollare tutto e reinventarsi una vita dall'altra parte del mondo, magari davanti ad una spiaggia tropicale. A riordinare le idee ci pensa l' Expat Explorer Report 2019 condotto da HSBC che ha tracciato la classifica dei 30 paesi dove si vive meglio da expat

Al primo posto c'è la Svizzera, grazie alla combinazione tra buona qualità della vita, salari competitivi e sicurezza, come sottolinea John Goddard, capo del programma HSBC Expat:

"La nostra ricerca ha stabilito che la Svizzera è una scelta fantastica, sia per i professionisti desiderosi di aumentare i propri guadagni e dare una svolta alla carriera, sia per coloro che ricercano una migliore qualità della vita. La Svizzera è considerarata uno dei luoghi più sicuri e più belli al mondo ed offre molteplici opportunità lavorative"

 

La Top 10 dei paesi migliori per gli expats

  1. Svizzera
  2. Singapore
  3. Canada
  4. Spagna
  5. Nuova Zelanda
  6. Australia
  7. Turchia
  8. Germania
  9. Emirati Arabi Uniti
  10. Vietnam

Una veduta di Berna, in Svizzera
Una veduta di Berna, in Svizzera
All'indagine hanno preso parte 18 mila expats attivi in 163 mercati, ai quali è stato chiesto di rivelare i motivi che li hanno spinti a trasferirsi in un altro paese ed i fattori che più apprezzano della vita nel loro nuovo paese.

Per quanto riguarda la Svizzera, l' 82% degli intervistati ha indicato come prima motivazione il miglioramento della qualità della vita, mentre tra i restanti elementi proposti, il 70% degli intervistati ha apprezzato un ambiente definito più pulito e piacevole.

La Svizzera ha spodestato dal primo posto di questa speciale graduatoria l'isola di Singapore, che si era fregiata del titolo di "Mecca" degli expats per gli ultimi quattro anni consecutivi. Tuttavia Singapore rimane al primo posto come il luogo migliore dove far crescere i propri figli, grazie ad un sistema scolastico particolarmente apprezzato dagli expats.

Al terzo posto si colloca il Canada, considerato una delle destinazioni più accoglienti, mentre il quarto posto della Spagna è attribuibile all'opinione espressa dalla maggioranza dei partecipanti al sondaggio, emigrati per lavoro nel paese iberico: dopo il trasferimento il loro equilibrio tra vita privata e lavorativa è migliorato notevolmente.

I fattori più apprezzati dagli expats

Oltre alla classifica dei paesi migliori e peggiori dove trasferirsi per lavoro, l'indagine condotta da HSBC evidenzia anche altri dati sulle preferenze degli expats. Ad esempio, la scelta di trasferirsi in un altro paese per lavoro non è una prerogativa giovanile: solo il 35% degli expats ha meno di 35 anni, ma il 71% di loro ammette che dopo il trasferimento ha acquisito nuove abilità lavorative, skills, da spendere con successo anche in vista di un proprio ritorno a casa. 

E chi resta in Italia?

L'Italia, insieme ai protettorati britannici di Jersey, Guesney e dell'Isola di Man, è una new entry dell'indagine realizzata da HSBC, che nel 2018 non l'aveva considerata, e si posiziona al 28° posto nell' indice Expat Explorer, seguita dall'Arabia Saudita e preceduta dalla Gran Bretagna. 

La qualità della vita, l'apertura ed il clima culturale della comunità risultano essere i fattori più apprezzati dai lavoratori qualificati trasferitisi nel Belpaese. Il risultato peggiore invece arriva da stabilità economica (31° posto), carriera (32°) e potenziale attrattivo (33°). Inoltre gli expats con figli apprezzano l'istruzione e l'apprendimento dove l'Italia è al 10° posto e la possibilità di fare amicizie, dove l'Italia è al 10° posto della graduatoria mondiale, mentre la Svizzera soltanto al 14°.

In totale nell'indagine sono stati presi in considerazione 33 paesi, quattro in più rispetto all'edizione del 2018. Agli ultimi tre posti della graduatoria, i paesi dove non trasferirsi mai, figurano Brasile, Giappone ed Indonesia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik